I piloti di F1 già preoccupati da Zandvoort: "E' una bella pista, ma non si sorpassa!"

condividi
commenti
I piloti di F1 già preoccupati da Zandvoort: "E' una bella pista, ma non si sorpassa!"
Di:
Tradotto da: Giacomo Rauli
15 mag 2019, 14:54

Diversi piloti di F1 hanno tessuto le lodi della pista, perché vecchio stile e molto bella da guidare, ma potrebbe essere l'opposto per lo spettacolo perché i punti di sorpasso sono pressoché inesistenti.

Zandvoort entrerà a far parte del calendario di Formula 1 a partire dalla prossima stagione. La notizia è stata ufficializzata poco più di 24 ore or sono, ma diversi piloti che corrono nel Circus iridato non hanno nascosto le proprie perplessità riguardo il ritorno della pista olandese.

Uno di questi è il pilota della Renault Daniel Ricciardo. L'australiano ha corso a Zandvoort nel 2008 e nel 2009 quando era tra i protagonisti della F3 Masters.l,.

"Se devo essere onesto, la pista è davvero meravigliosa. Le velocità sono alte, è una pista vecchia scuola e ci vogliono davvero le palle per correrci. Dal punto di vista del pilota va bene. Ma per quanto possa essere veloce e tecnica, la pista non permetterà di fare sorpassi, dunque non sarà così eccitante. Questa è solo la mia sensazione iniziale".

"Con le velocità con cui corriamo oggi, seguire un'altra monoposto sarà davvero complicato. Questo è solo un mio pensiero. Penso che la gara possa essere una vera processione, nonostante la pista sia davvero bella".

Leggi anche:

"Su quella pista, al volante di una Formula 1, ho corso solo in una dimostrazione e ho corso con le F3. Bisogna mantenere gli occhi aperti e devi avere le palle".

Nico Hulkenberg, il quale ha vinto l'evento Master nel 2008 e ha corso a Zandvoort in A1 GP, ha condiviso il punto di vista del suo compagno di squadra: "Ho amato Zandvoort quando correvo in F3, poi in BMW e in A1. Ho ottimi ricordi su una pista davvero bella. E' un posto bellissimo e ovviamente gli olandesi sono sempre vivaci e pronti per una bella festa".

"Scheivlak è una curva in cui devi essere coraggioso e devi avere le palle, sono sicuro che con le F1 andremo davvero forte, dunque per noi sarà certamente divertente e interessante".

"Ma già con le F3 superare era praticamente impossibile su quella pista. Il layout non invita certo a un bel numero di sorpassi in gara".

Un altro pilota che ha corso a Zandvoort in più di un'occasione è Daniil Kvyat, tornato a correre per la Scuderia Toro Rosso proprio in questa stagione: "La prima cosa che ho pensato è che sarà proprio difficile superare su uqlella pista. Il tracciato ha tante curve molto veloci e altrettanto meravigliose, ma con le monoposto moderne sarà ovviamente molto complicato seguire chi ti precede".

"La pista, onestamente, è davvero fantastica. Quando ero in F3 era la mia pista preferita ma, sì, ci sono domande importanti da porsi riguardo il tracciato".

Non poteva mancare il pensiero di Valtteri Bottas, vincitore del F3 Masters nel 2009 e 2010. "E' una grande pista. Un tracciato vecchio stile molto amato dai piloti. Se si fanno errori nelle sezioni veloci, queste possono davvero penalizzarti. E' una pista che comporta dei rischi per i piloti e, sinceramente, è una bella sensazione per i piloti".

"Non vedo l'ora di andarci a correre. Già in F3 c'era un sacco di gente che veniva a vedere le gare. Un'atmosfera molto bella. Sarà certamente un bel fine settimana".

Valtteri Bottas, Masters of F3

Valtteri Bottas, Masters of F3

Photo by: Stella-Maria Thomas

Articolo successivo
Test Barcellona, Giorno 2, ore 16: Leclerc batte un colpo con le Pirelli del futuro

Articolo precedente

Test Barcellona, Giorno 2, ore 16: Leclerc batte un colpo con le Pirelli del futuro

Articolo successivo

Horner: "Red Bull penalizzata dalla nuova aerodinamica e dalle gomme ribassate"

Horner: "Red Bull penalizzata dalla nuova aerodinamica e dalle gomme ribassate"
Carica i commenti