I Chemical Brothers realizzano il remix più "veloce" della storia per la F1

condividi
commenti
I Chemical Brothers realizzano il remix più
Di:
07 mar 2019, 11:07

La Formula 1 ha annunciato che un remix di tre secondi di una canzone dei Chemical Brothers diventerà la sua "nuova identità sonora globale".

I due membri dei Chemical Brothers, Tom Rowlands ed Ed Simons, sono fan della F1 da parecchio tempo e nel corso degli anni hanno fatto diverse apparizioni ai Gran Premi.

Hanno remixato una traccia chiamata "We've got to try", estratto del prossimo album "No Geography", in una versione di tre secondi chiamata "WGTT15000BPM F1 NEEEUM MIX".

Un comunicato della Formula 1 ha spiegato che questa prenderà il posto dell'ormai iconico suono della F1 che "ruggiva" ad alta velocità.

 

Il remix, descritto come il "più veloce di tutti i tempi", ha una velocità di 15.000 battiti al minuto per fare un riferimento ai 15.000 giri degli attuali motori di Formula 1.

Hanno anche accompagnato il tutto con un video di sei secondi, nel quale si vede un cane che sembra alla guida di una monoposto di F1.

"Il remix diventerà la nuova identità sonora globale delal F1 e, il brano 'We've got to try' sarà la colonna sonora della stagione 2019" riferisce il comunicato.

Rowlands ha aggiunto: "La sfida ingegneristica di creare il remix più veloce di sempre ci ha incuriositi come fan della F1 e come musicisti. E' emozionante ascoltare la nostra musica nel contesto della F1: la velocità e l'intensità della F1 è un riflesso della nostra musica e degli spettacoli dal vivo".

The Chemical Brothers in the Red Bull Racing garage

The Chemical Brothers in the Red Bull Racing garage

Photo by: Red Bull Content Pool

Articolo successivo
Salone di Ginevra 2019: ecco le migliori auto da corsa in mostra

Articolo precedente

Salone di Ginevra 2019: ecco le migliori auto da corsa in mostra

Articolo successivo

Pirelli svela quali mescole porterà al GP di Spagna e al GP del Canada

Pirelli svela quali mescole porterà al GP di Spagna e al GP del Canada
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Matt Beer
Be first to get
breaking news