Formula 1
12 mar
-
15 mar
Gara in
14 Ore
:
37 Minuti
:
24 Secondi
21 mag
-
24 mag
FP1 in
67 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
90 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
110 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
124 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
138 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
166 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
173 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
187 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
194 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
223 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
230 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
243 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
257 giorni

Horner: "Pronti alle porte chiuse, ma i team hanno detto no"

condividi
commenti
Horner: "Pronti alle porte chiuse, ma i team hanno detto no"
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
14 mar 2020, 14:26

Il team principal della Red Bull, Christian Horner ha rivelato che i vertici della Formula 1 avevano preso in considerazione l'idea di disputare il Gran Premio d'Australia a porte chiuse, ma che l'idea non ha ottenuto il supporto dalle squadre.

Dopo aver appreso che un membro della McLaren era positivo al Coronavirus, la squadra di Woking ha deciso di ritirarsi dalla prima gara della stagione a Melbourne.

Questo ha portato ad una lunga riunione nella notte di giovedì tra i team principal delle altre nove squadre e i vertici di F1 e FIA, per discutere se e come proseguire il weekend australiano.

Parlando con Motorsport.com, Horner ha affermato di essere favorevole a portare avanti l'evento, ma in condizioni particolari, ovvero con l'accesso al circuito riservato solo al personale della F1.

"Ovviamente abbiamo discusso dei diversi scenari" ha detto. "Si è discusso di chiudere il paddock e prendere ulteriori precauzioni".

"L'autorità sanitaria e la FIA erano d'accordo a continuare, se la maggior parte delle squadre fossero state d'accordo. Ma sfortunatamente non è successo".

Leggi anche:

L'idea di continuare nella giornata di venerdì per avere un'ulteriore valutazione della situazione non ha ottenuto il sostegno della maggioranza e questo ha spinto la F1 ad annullare la gara.

Horner è stato chiaro che lui avrebbe preferito continuare il weekend, aggiungendo che è stato frustrante vedere che la decisione sia sfuggita fuori dalle mani della sua squadra.

"Ovviamente è stato deludente non correre" ha detto. "Ma dobbiamo considerare la salute del nostro personale e, alla fine, la FIA ed il promoter hanno deciso di annullare l'evento. E' frustrante".

Ross Brawn, responsabile dell'area motorsport della F1, che è stato coinvolto nelle discussioni dei team e si ritiene abbia favorito il tentativo di proseguire con l'evento, ha sottolineato che la F1 è stata sorpresa dalla rapidità con cui è cresciuta la pandemia di Coronavirus.

"Probabilmente quello che ha sorpreso tutti è stata la rapida espansione di questo problema" ha detto Brawn al sito ufficiale della F1. "L'escalation dei nuovi casi, specialmente in paesi come l'Italia, dove è stata quasi verticale, non se la sarebbe aspettata nessuno".

"Ho parlato con Mattia Binotto (team principal Ferrari) molte volte nelle ultime settimane. Il suo umore è cambiato molto negli ultimi giorni in base a quello che stava vedendo in Italia. Eravamo comunque ottimisti di poter superare la cosa, iniziare la Formula 1 e portare un po' di sollievo in questo momento difficile".

"Una volta che abbiamo avuto il primo positivo, una volta che una squadra non ha potuto correre per questo, chiaramente c'era un problema che dovevamo affrontare".

Articolo successivo
L'annullamento di Melbourne costa a Pirelli 1800 pneumatici

Articolo precedente

L'annullamento di Melbourne costa a Pirelli 1800 pneumatici

Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Autore Jonathan Noble