Horner: "Non credo che spingeremo la Honda a sacrificare la Toro Rosso"

condividi
commenti
Horner:
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble
Co-autore: Ben Anderson
18 lug 2018, 09:55

La Red Bull insiste sul fatto che la Toro Rosso non sacrifiche la sua stagione per aiutare la Honda a portare avanti lo sviluppo della power unit, ma è comunque aperta a sfruttare le opportunità che possono dare un aiuto a lungo termine.

Brendon Hartley, Toro Rosso STR13, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, precede Brendon Hartley, Toro Rosso STR13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
Pierre Gasly, Toro Rosso STR13, nell'abitacolo della sua monoposto
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR13
Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso STR13

La Red Bull ovviamente è desiderosa di vedere il maggior numero possibile di progressi in vista dell'anno prossimo, quindi per la Honda ci sarebbe l'opzione di introdurre un buon numero di aggiornamenti sul motore 2018, anche se questo significherebbe sacrificare le posizioni in griglia della Toro Rosso.

Ma il team principal Christian Horner ha detto che se da una parte potrebbe essere interessante far progredire la power unit giapponese, dall'altra non si possono mettere da parte le necessità della Toro Rosso di piazzarsi bene nel campionato costruttori.

Attualmente la squadra faentina occupa l'ottavo posto in classifica, con 29 punti di punti di ritardo sulla McLaren, ma solamente tre di margine su una Sauber decisamente in ascesa.

"Non credo che spingeremo la Honda a sacrificare la Toro Rosso" ha detto Horner a Motorsport.com.

"Ovviamente è una questione che rimane aperta, ma anche la Toro Rosso deve badare alla lotta con i costruttori con cui è in competizione, che chiaramente ha un significato per loro".

La decisione della Red Bull di passare alla Honda, che è arrivata dopo un inizio di stagione incoraggiante, è stata presa prima che iniziassero le domande sui progressi che ha fatto la Casa giapponese.

L'aggiornamento che è stato introdotto in occasione del GP del Canada sembra non aver proprio corrisposto le aspettative della Red Bull, inoltre nelle gare successive ci sono stati dei problemi di affidabilità.

Tuttavia, Horner non è preoccupato della situazione e pensa che le prestazioni del motore siano anche state camuffate dalle caratteristiche dei tracciati, che hanno costretto la Toro Rosso a dei sacrifici a livello di carico aerodinamico.

"Da quello che abbiamo visto, sicuramente nell'ultimo paio di gare (Red Bull Ring e Silverstone) credo che le prestazioni del motore Honda siano state abbastanza vicine a quelle del nostro attuale fornitore" ha detto Horner.

"Certamente, la Toro Rosso ha avuto a disposizione un carico aerodinamico variabile sulle ultime due piste".

"Sembra che la Honda sia sulla traiettoria giusta, che si sia posta gli obiettivi giusti e non vediamo l'ora di lavorare con loro in modo più collaborativo, mano a mano che ci addentriamo in questa relazione".

Articolo successivo
Miami vicina a firmare un contratto di 20 anni con Liberty Media per il GP di F1

Articolo precedente

Miami vicina a firmare un contratto di 20 anni con Liberty Media per il GP di F1

Articolo successivo

Specchietti: ecco come la FIA potrebbe cambiarli per migliorare la visibilità posteriore

Specchietti: ecco come la FIA potrebbe cambiarli per migliorare la visibilità posteriore
Carica i commenti