Horner: "I rivali puntano il dito perché stiamo facendo bene"

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, si è trovato a dover giocare sia in attacco che in difesa della sua squadra in questa stagione.

Horner: "I rivali puntano il dito perché stiamo facendo bene"

Con la RB16B e la sua combinazione con il motore Honda che è molto migliorato rispetto all'anno scorso, la Red Bull è diventata una seria minaccia per la Mercedes per la prima volta da quando è iniziata l'era turbo ibrida della Formula 1.

Ma non è stato tutto facile per il gigante delle bibite energetiche, che ha dovuto fronteggiare diverse situazioni politiche, ma anche una serie di direttive tecniche introdotte dalla FIA.

Più di una volta la Red Bull ha manifestato la sensazione di sentirsi sotto attacco costante, ma per Horner questa era semplicemente la prova che la sua squadra sta facendo al meglio il suo lavoro e comincia a fare paura al suo rivale.

"Ci hanno messo un sacco di energia, più di quanto ci si aspetterebbe", ha detto a Motorsport.com circa l'intensa pressione della Mercedes. "È stata una strategia chiara".

"Ma penso che dimostri solo che ci vedono come una minaccia. E penso che stai facendo qualcosa di giusto quando la gente inizia a puntare il dito".

Qualunque cosa abbiano affrontato nel paddock, in termini di corse le cose sono state incredibilmente ravvicinate tra Red Bull e Mercedes.

Con sei vittorie in totale contro le quattro della Mercedes, la battaglia per il titolo ha oscillato in entrambe le direzioni, con il rivale della Casa tedesca che attualmente detiene l'iniziativa dopo i pesanti incidenti a Silverstone e in Ungheria, dove la Red Bull sembrava avere una macchina in grado di vincere.

Quanto dell'oscillazione delle prestazioni del 2021 tra le due migliori squadre di F1 è dovuto al fatto che la Mercedes è stata bloccata dalle nuove regole aerodinamiche e quanto invece ai progressi reali della Red Bull, è difficile da definire in termini esatti.

È chiaro, però, che la Red Bull ha fatto un passo avanti dopo una stagione 2020 in cui non ha mai davvero lottato alla pari con la RB16. E Horner vede questo progresso come il culmine di diversi fattori.

C'è il fatto che la squadra ha risolto i problemi di correlazione che l'avevano colpita nel 2020, prima della fine della stagione, il che significa che non stava più inseguendo un problema mentre si dirigeva verso l'inverno.

Inoltre, con regole di omologazione della F1 restrittive a livello di telaio, avere fiducia nella macchina andando incontro all'inverno è stato un enorme vantaggio.

"Abbiamo beneficiato ovviamente di un certo grado di continuità a livello di componenti", ha detto Horner.

"Il fatto che abbiamo ritrovato la correlazione, che abbiamo capito dove erano i nostri problemi e siamo stati in grado di affrontarli, credo che sia stato l'elemento chiave, certamente per i primi sei mesi di quest'anno".

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B after the crash

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B after the crash

Photo by: Jerry Andre / Motorsport Images

Anche le nuove regole aerodinamiche di quest'anno hanno fatto la loro parte, in quanto sono servite a ostacolare le vetture a basso rake come le Mercedes e le Aston Martin molto più delle vetture ad alto rake. Ma non era mai scontato che sarebbe stato così.

"Eravamo effettivamente preoccupati che le regole avrebbero avuto un grande effetto sulle vetture ad alto rake", ha detto Horner.

Nel mix c'era anche il fatto che la Honda, sulla scia della sua decisione di ritirarsi dalla F1, ha anticipato la sua power unit più potente ed affinata che era stata originariamente prevista solo per il 2022.

"Penso che sia stata una combinazione di cose: che siamo riusciti a capire alcuni dei nostri problemi, siamo riusciti ad affrontarne tanti e solo fare un pacchetto più completo", ha aggiunto Horner.

"Penso che, combinato con gli sforzi della Honda, che ha portato il motore che era originariamente previsto per il 2022, essendo la loro ultima in Formula 1, ci ha permesso di ricongiungerci a Mercedes".

La situazione della Honda è anche particolarmente intrigante perché, a giudicare dai piccoli distacchi tra Red Bull e Mercedes, non è impossibile suggerire che senza il motore aggiornato, le cose avrebbero potuto essere molto diverse.

"Penso che da un punto di vista del packaging e di utilizzo dell'energia, abbiano fatto un grande lavoro. E penso che sia su questo compromesso che la Mercedes ha fatto un passo indietro quest'anno".

Adrian Newey, Chief Technical Officer, Red Bull Racing, and Max Verstappen, Red Bull Racing, 1st position, with the winning Constructors and Drivers trophies

Adrian Newey, Chief Technical Officer, Red Bull Racing, and Max Verstappen, Red Bull Racing, 1st position, with the winning Constructors and Drivers trophies

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Ciò che è stato uno scenario diverso per la Red Bull in questa stagione rispetto a gran parte dell'era turbo ibrida è che ha vinto le gare in termini di puro ritmo.

Sono finiti i tempi in cui l'unica speranza di vittoria della squadra erano le caratteristiche uniche della pista, o un azzardo di strategia. Ora ci sono state gare in cui è stata semplicemente la più veloce.

"Siamo riusciti a vincere sei gare finora quest'anno, che è un record fenomenale, più di quanto abbiamo vinto negli ultimi due anni, e penso che essere nella lotta per il campionato sia emozionante per tutti".

"Sono stati sette lunghi anni in cui abbiamo avuto un ruolo marginale. Siamo riusciti a vincere delle gare con l'essere tatticamente accorti e sfruttando le piste favorevoli, ma non siamo stati in grado di mettere insieme una stagione importante".
"Ora abbiamo gli strumenti per farlo, abbiamo un telaio che si comporta estremamente bene, abbiamo un motore che sta facendo il suo lavoro, e abbiamo un pilota che è al top ed ha esperienza".

Le lezioni dei Gran Premi di Gran Bretagna e Ungheria sono la prova perfetta del perché nulla può essere dato per scontato nella lotta per il titolo.

Ma per Horner c'è una cosa che sa che deve assolutamente accadere nella seconda metà della stagione: è che la Red Bull deve alzare il suo livello ancora di più.

"Dobbiamo solo fare meglio della prima metà!" dice. "Dobbiamo solo continuare a fare quello che stiamo facendo.

"Ci saranno alcune sfide in pista e fuori pista. Ma dobbiamo solo continuare con l'approccio che abbiamo e cercare di massimizzare le nostre prestazioni come squadra in ogni sessione, ogni qualifica e ogni gara".

"Ma inevitabilmente, una volta che si arriva alla fine del campionato, la posta in gioco aumenta. Al momento si ragiona una gara alla volta. Ma più ci si avvicina alla fine, più la pressione aumenta...".

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

condividi
commenti
Pedro Rodriguez, 50 anni dopo: le 10 gare più belle
Articolo precedente

Pedro Rodriguez, 50 anni dopo: le 10 gare più belle

Articolo successivo

F1: il GP di San Paolo può slittare di una settimana?

F1: il GP di San Paolo può slittare di una settimana?
Carica i commenti