Horner su Perez: "Non potevamo ignorare la sua stagione"

Christian Horner ha spiegato i motivi che hanno spinto la Red Bull a scegliere Sergio Perez al posto di Alexander Albon e ha sottolineato di avere adesso un team in grado di andare a caccia della Mercedes.

Horner su Perez: "Non potevamo ignorare la sua stagione"

Dopo le indiscrezioni circolate nelle ultime settimane adesso è arrivata la certezza. Sergio Perez sarà un pilota Red Bull per la prossima stagione e prenderà il posto di un Alexander Albon che ha sofferto tutta la stagione il confronto con Max Verstappen.

Per la Red Bull si tratta del terzo cambio di pilota nelle ultime tre stagioni, una situazione divenuta tormentata dopo l’addio di Daniel Ricciardo che ha visto il team di Milton Keynes promuovere dapprima Pierre Gasly dalla Toro Rosso per poi retrocedere nuovamente il francese nel team di faenza a metà del 2019 e far salire sulla RB15 Albon.

Il tailandese, però, non è mai riuscito ad adattarsi alla monoposto disegnata da Adrian Newey mostrando sempre un gap importante dalle performance firmate Verstappen.

Christian Horner, intervistato da Motorsport.com, ha voluto spiegare le ragioni dietro questa scelta non nascondendo un pizzico di delusione per la mancata crescita di Albon nel corso di questo 2020.

“E’ stata una decisione molto sofferta. Credo che tutti noi volessimo vedere Alex avere successo. Ci eravamo prefissati il termine di fine stagione per fare le nostre valutazioni ed analizzare tutti i dati a disposizione, ed è quello che abbiamo fatto”.

“La decisione è stato molto difficile, soprattutto considerando quanto Alex sia un bravo ragazzo, ma resterà un membro del team ed un elemento importante per il 2021, senza dimenticare che si concentrerà prevalentemente sullo sviluppo della vettura 2022”.

Horner ha poi voluto evidenziare i motivi che hanno spinto la Red Bull a mettere sotto contratto Perez. Il messicano ha chiuso il campionato al quarto posto in classifica mostrandosi sempre concreto ed in grado di far progredire la squadra di Lawrence Stroll.

“Era impossibile ignorare le performance di Sergio con la Racing Point, soprattutto da metà stagione in poi”.

 “E’ un pilota completo e credo che abbia una straordinaria capacità di sfruttare al massimo la vettura. Se si guarda ai podi che ha conquistato nel corso della sua carriera credo che si rivelerà un valore aggiunto per il nostro team”.

“Credo che la scelta di Sergio evidenzi ancora di più la nostra determinazione nel mettere in campo una squadra competitiva contro la Mercedes per la prossima stagione”.

Il messicano non avrà vita facile in Red Bull. Dall’altra parte del box, infatti, troverà un Max Verstappen unico punto di riferimento per il team anglo-austriaco.

Horner ha però voluto gettare subito acqua sul fuoco. Secondo il team principal della scuderia, infatti, i rapporti tra i due piloti saranno improntati soltanto alla crescita della squadra e non ci sarà alcuna lotta interna tra due primedonne.

“Entrambi i piloti si conoscono e credo che Perez sia consapevole delle qualità di Max. Adesso è un pilota esperto e negli ultimi due anni ha sfoderato prestazioni eccellenti, quindi non credo che stia sottovalutando la sfida che lo attende ma, al contrario, sono certo che sia felice di avere finalmente l’opportunità di poter dimostrare il suo valore”.

“Ovviamente vogliamo che le performance dei nostri piloti siano di livello, ma il nostro obiettivo non è la lotta tra loro, ma cercare di colmare il divario rispetto alla Mercedes”.

“Sergio ha corso per diverse stagioni con Nico Hulkenberg come compagno e non ricordo ci siano mai stati problemi tra loro due”.

Sergio Perez, Racing Point indossa il casco prima dell'ultima sessione di Qualifica, all'ultima gara con la Racing Point
Sergio Perez, Racing Point indossa il casco prima dell'ultima sessione di Qualifica, all'ultima gara con la Racing Point
1/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
2/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
3/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, esce dal garage
Sergio Perez, Racing Point RP20, esce dal garage
5/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point, con un casco in edizione speciale
Sergio Perez, Racing Point, con un casco in edizione speciale
6/20

Foto di: Racing Point

Sergio Perez, Racing Point in conferenza stampa
Sergio Perez, Racing Point in conferenza stampa
7/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
8/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
9/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
10/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
11/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
12/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
13/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
14/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
15/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point
Sergio Perez, Racing Point
16/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20
17/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point, primo classificato, festeggia sul podio
Sergio Perez, Racing Point, primo classificato, festeggia sul podio
18/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, Lance Stroll, Racing Point RP20
Sergio Perez, Racing Point RP20, Lance Stroll, Racing Point RP20
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point
Sergio Perez, Racing Point
20/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condividi
commenti
Mercedes F1: ecco cosa c'è dietro al triumvirato
Articolo precedente

Mercedes F1: ecco cosa c'è dietro al triumvirato

Articolo successivo

Ferrari: si chiamerà SF21 la Rossa che si scoprirà a Barcellona

Ferrari: si chiamerà SF21 la Rossa che si scoprirà a Barcellona
Carica i commenti