Honda: "Verstappen si comporta come un giovane Senna"

Masashi Yamamoto, managing director di Honda F1, spende parole al miele nei confronti di Max Verstappen, paragonandolo ad un giovane Senna per quanto fatto nel lavoro di sviluppo con Honda e per le performance in pista

Honda: "Verstappen si comporta come un giovane Senna"

Max Verstappen è uno dei talenti più cristallini della Formula 1 attuale. Più giovane di sempre a vincere un Gran Premio, è stato capace di diventare titolare Toro Rosso ancora minorenne, dopo un convincente test tra Interlagos e Suzuka quando di anni ne aveva appena 16.

Leggi anche:

Nel 2019 l'olandese ha chiuso al terzo posto della classifica iridata, alle spalle delle imprendibili Mercedes di Hamilton e Bottas, dopo essersi aggiudicato ben tre successi in stagione.

La sua determinazione ed il talento hanno impressionato i vertici Honda, fornitore da inizio anno della Red Bull. Masashi Yamamoto, managing director del colosso nipponico per la Formula 1, scomoda addirittura paragoni importanti con il passato.

“Guardando Max, mi sembra di vedere un giovane Senna. È veloce, è giovane, ed ha un talento impressionante. In più rispetta Honda, come abbiamo visto in Austria quando mostrava con orgoglio il nostro badge sul podio. Questo ci da una spinta incredibile per spronarci a fare un motore sempre migliore per lui e per il team”, commenta Yamamoto.

Per il manager nipponico è vitale una forte collaborazione di natura umana tra il fornitore di power unit ed i piloti, caratteristica che non è affatto mancata a Verstappen. “La passione che ci ha dimostrato quando ha vinto ha rafforzato la nostra relazione. Max è stato ospite del nostro centro di ricerca e sviluppo ed era avvolto da un sacco di persone. Era come se fosse attorniato da un tunnel di mani, e lui si fermava a dare il 5 a ciascuno. Sono queste le cose che ti motivano, che ti fanno capire che lui è riconoscente a Honda e Honda è riconoscente a lui”, conclude Yamamoto.

Max Verstappen, Azione FIA dell'anno
Max Verstappen, Azione FIA dell'anno
1/9

Foto di: FIA

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
2/9

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
3/9

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
4/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, con il trofeo
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, con il trofeo
5/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, festeggia con il compagno di squadra
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, festeggia con il compagno di squadra
6/9

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo classificato, festeggia sgommando
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo classificato, festeggia sgommando
7/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Il delegato Mercedes per il trofeo Costruttori, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio
Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Il delegato Mercedes per il trofeo Costruttori, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, sul podio
8/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, e Max Verstappen, Re Bull Racing, secondo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
9/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condividi
commenti
Steiner: "Errore non ascoltare le indicazioni dei piloti"

Articolo precedente

Steiner: "Errore non ascoltare le indicazioni dei piloti"

Articolo successivo

I simulatori: nuovi sistemi per vincere il mondiale

I simulatori: nuovi sistemi per vincere il mondiale
Carica i commenti