Honda: il problema con McLaren? Troppo rispetto reciproco

Secondo la Honda, il troppo rispetto reciproco nella comunicazione con McLaren è stato uno dei motivi del fallimento fra le parti.

Honda: il problema con McLaren? Troppo rispetto reciproco

Il produttore giapponese ha goduto di un periodo di grande successo con il team di Woking alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 prima di lasciare la F1 nel 1992.

Le due aziende si sono riunite nel 2015, quando Honda tornò per l'era ibrida.

Tuttavia, la partnership si è conclusa prematuramente dopo tre stagioni deludenti, con la Honda trasferitasi alla Toro Rosso (ora AlphaTauri) e la McLaren passata ai motori Renault.

Sia la Honda che la McLaren hanno ammesso che la comunicazione si è sempre rivelata un ostacolo nella loro collaborazione, con il capo Masashi Yamamoto che ha evidenziato quale sia stato il guaio maggiore.

"Fin dai giorni con McLaren abbiamo imparato molto da loro, ma pensiamo di aver avuto un rispetto reciproco eccessivo", ha detto Yamamoto.

"Ecco perché ci sono state carenze, specialmente nella comunicazione. È stato un peccato che il progetto non sia andato bene".

Max Verstappen, Red Bull Racing, 1st position, Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport, with a trophy

Max Verstappen, Red Bull Racing, 1st position, Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport, with a trophy

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

La Honda ha unito le forze prima con la Toro Rosso e poi con la Red Bull, la cui partnership si è conclusa con la vittoria di Max Verstappen nel campionato piloti di questa stagione.

La Honda aveva già deciso che questo sarebbe stato il suo ultimo anno in F1, con la Red Bull che avrebbe assunto la gestione dei suoi motori.

Nonostante il successo del 2021, Yamamoto ha detto che un ripensamento sull'abbandono non è mai stato preso in considerazione.

"Lasciare la F1 è stata una decisione molto importante per la Honda, pensando alle emissioni zero e anche ai clienti di tutto il mondo"

"Anche coi buoni risultati quest'anno, non abbiamo mai avuto un ripensamento per rimanere".

La Honda assisterà la Red Bull con il suo motore, Yamamoto ha detto che lo sviluppo "sarà totalmente controllato dalla Red Bull ma in conformità con le sue esigenze".

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, crosse the line

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, crosse the line

Photo by: Jerry Andre / Motorsport Images

 

Fra i ricordi migliori dell'ultimo anno della Honda in F1, Yamamoto ripensa al primo podio di Verstappen nella gara di apertura della stagione 2019.

"Il momento migliore per me è il Gran Premio d'Australia del 2019, il primo podio con la Red Bull Racing. Ovviamente anche l'Austria 2019, prima vittoria con la Red Bull".

Leggi anche:
condividi
commenti
F1 | Le regole '21 hanno penalizzato più Aston Martin di Mercedes
Articolo precedente

F1 | Le regole '21 hanno penalizzato più Aston Martin di Mercedes

Articolo successivo

Perez: "Verstappen mi ha spinto ad un altro livello"

Perez: "Verstappen mi ha spinto ad un altro livello"
Carica i commenti