Honda ai GP solo senza rischi, anche se F1 ripartirà prima

Masahi Yamamoto, capo di Honda Racing, ha dichiarato al giornalista Masahiro Owari che la Casa giapponese si sarebbe opposta a disputare il GP d'Australia, ma non c'è stato da discutere con Red Bull e AlphaTauri che avevano già deciso nella notte di non correre. Anche il ritorno in pista avverrà solo in condizioni normali.

Honda ai GP solo senza rischi, anche se F1 ripartirà prima

Si è scritto e detto molto sul meeting dell’Hotel Crown di Melbourne, un confronto serrato che ha poi portato alla richiesta di annullamento del Gran Premio d’Australia.

C’è però un aspetto rimasto sotto traccia e conferma che neanche Red Bull ed Alpha Tauri avrebbero potuto disputare la gara di Melbourne, come pubblicamente dichiarato dai responsabili della Red Bull.

Il motivo è la posizione della Honda, che a differenza della linea Marko-Horner, non era intenzionata a scendere in pista dopo aver ricevuto la notizia della positività al test Coronavirus di un tecnico McLaren.
“Dopo aver ricevuto quella notizia – ha dichiarato Masahi Yamamoto, capo di Honda Racing al giornalista Masahiro Owari – abbiamo capito che sarebbero arrivate presto delle decisioni".

"Abbiamo visto in tutto il mondo quanti eventi sportivi sono stati cancellati, quindi la posizione di Honda è stata chiara, ovvero tutelare la salute e la sicurezza di chi lavora in pista e dei fans. Per far questo era indispendabile astenerci dal correre”.

Yamamoto ha confermato che la decisione presa dai team è arrivata prima ancora che si facesse presente la posizione Honda a Red Bull ed Alpha Tauri.
“È accaduto tutto di notte – ha spiegato il responsabile del programma Honda F1 – la nostra posizione era chiara ed eravamo pronti a farla presente, ma non è stato di fatto necessario perché siamo stati anticipati dalla decisione presa nel meeting”.

“Era indispensabile fermarsi – ha concluso Yamamoto - questo ci darà la possibilità di osservare gli sviluppi (della pandemia). La Honda tornerà in pista solo quando la situazione tornerà ad essere normale e senza rischi, anche se la Formula 1 dovesse decidere di riprendere l’attività”.

Un messaggio in stile Giapponese: non sarà più tollerata una situazione come quella di Melbourne.

Franz Tost, Team Principal, Toro Rosso, e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Franz Tost, Team Principal, Toro Rosso, e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
1/16

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
2/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Dr. Helmut Marko, Red Bull Racing e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Dr. Helmut Marko, Red Bull Racing e Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport
3/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Il motore della Red Bull Racing RB 16

Il motore della Red Bull Racing RB 16
4/16

Foto di: Giorgio Piola

Alex Albon, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
5/16

Foto di: Franco Nugnes

Alex Albon, Red Bull Racing RB16

Alex Albon, Red Bull Racing RB16
6/16

Foto di: Franco Nugnes

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, fa un pit stop

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, fa un pit stop
7/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il motore della Red Bull Racing RB 16

Il motore della Red Bull Racing RB 16
8/16

Foto di: Giorgio Piola

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
9/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, Red Bull Racing RB12, al GP d'Australia del 2016

Daniil Kvyat, Red Bull Racing RB12, al GP d'Australia del 2016
10/16

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Red Bull Racing RB16, dettaglio dello sfogo

Red Bull Racing RB16, dettaglio dello sfogo
11/16

Foto di: Giorgio Piola

I meccanici della Red Bull Racing RB16 ispezionano il posteriore della macchina

I meccanici della Red Bull Racing RB16 ispezionano il posteriore della macchina
12/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
13/16

Foto di: Red Bull Content Pool

Motore della Alpha Tauri AT01

Motore della Alpha Tauri AT01
14/16

Foto di: Giorgio Piola

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
15/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
16/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condividi
commenti
Todt: "Situazione non chiara, bisogna rispettare le regole"

Articolo precedente

Todt: "Situazione non chiara, bisogna rispettare le regole"

Articolo successivo

McLaren: 7 membri rimasti in Australia negativi al Coronavirus

McLaren: 7 membri rimasti in Australia negativi al Coronavirus
Carica i commenti