Hamashima, chi è il gommista della Rossa?

Hamashima, chi è il gommista della Rossa?

La Ferrari segue un esempio lanciato da Toyota e McLaren. A Maranello c'è stato un altro nippo: Osamu Goto

Hirode Hamashima, giapponese, 60 anni, è l'uomo che ha lasciato la Bridgstone dopo 34 anni di carriera costruita nella Casa di pneumatici nipponica. Aveva iniziato da ingegnere del reparto ricerca e sviluppo nel 1977 ed è arrivato ad essere il responsabile del reparto competizioni, dopo che la Bridgestone ha abbandonato la F.1 l'anno scorso per lasciare il campo alla Pirelli. È stato il tecnico che ha progettato le gomme con cui il colosso del Sol Levante è entrato nel Circus nel 1997, dopo due fugaci apparizioni negli Anni 70 (con Hoshino sulla Tyrrell 007 vista al Gp del Giappone del 1976 e con Takahara sulla Kojima KE009 l'anno successivo sempre al Fuji) ed è un grande conoscitore della materia: per Hirode mescole e carcasse non hanno segreti. È stato chiamato dalla Ferrari dove ha preso la responsabilità di un nuovo progetto rivolto all’approfondimento di un aspetto cruciale per la prestazione di una monoposto come l’interazione fra il comportamento della monoposto e quello degli pneumatici e sarà anche il punto di riferimento tecnico della squadra di Maranello nei rapporti con la Pirelli. Alcuni hanno storto la bocca all'annuncio fatto a Madonna di Campiglio da Stefano Domenicali, capo della Gestione Sportiva, in occasione delle conferenze stampa di Wroom, ma va detto che non si tratta di una novità assoluta: la Toyota Motorsport, per esempio, aveva assunto Pascal Vasselon dalla Michelin nel 2005. Il francese, sebbene laureato in ingegneria aeronautica, era stato l'apprezzato tecnico che aveva sviluppato le coperture transalpine per i Gp. Nel caso della squadra di Colonia i risultati in F.1, non erano stati eclatanti, anche se l'esperienza di Vasselon era stata preziosa alla crescita del tecnica del team. Ma c'è un altro precedente, ben più qualificante: è quello della McLaren che nel maggio 2009 si era accapparrata Iroshi Imai, il progettista delle gomme Bridgestone di F.1 degli ultimi anni. Imai sarebbe stato uno dei protagonisti che hanno permesso alla squadra di Woking di ridurre il gap prestazionale della Mp4-26 della Red Bull Racing, facendo in modo che la temperatura dei freni non condizionasse il comportamento e la durata degli pneumatici Pirelli. Sarà interessante capire quale apporto potrà dare Hamashima alla Ferrari che si prepara a schierare una monoposto con alcune soluzioni innovative, come le strutture deformabili laterali a forma alare, staccate dalle pance dei radiatori che saranno strette e alte e il correttore d'assetto comandato in fase di frenata. È probabile che il giapponese venga coinvolto nello sviluppo di questa soluzione, visto che la squadra di Maranello ha presentato alla FIA un suo schema che in linea con il principio lanciato dalla Lotus Renault nei test di Abu Dhabi alla fine dell'anno scorso. Esperto, capace e preparato Hamashima potrebbe essere un acquisto eccellente agli ordini di Pat Fry e non è escluso che possa dare utili indicazioni anche alla Pirelli nel lavoro di sviluppo delle gomme 2012. In patria è un personaggio piuttosto noto dagli appassionati perché andava spesso a Fuji Tv come esperto di F.1 che sapeva spiegare con semplicità le tattiche di gara determinate dalle gomme. È quanto meno curioso che Pat Fry persegua a Maranello la costruzione di un modello di lavoro che ricalchi quello McLaren. A Woking hanno calato l'asso Imai e a Maranello replicano con un pezzo ancora più pesante, visto che Hamashima era il capo di Iroshi. A proposito di giapponesi, è giusto ricordare che a Maranello era stato chiamato nel 1994 Osamu Goto, capo dei motoristi Honda, uno specialista che aveva contribuito alle vittorie di cinque mondiali Piloti e sei titoli Costruttori quando era fornitore di propulsori per Williams e McLaren. Alla Ferrari era stato prezioso nella progettazione del primo V10.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie