Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
106 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
148 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
162 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
176 giorni

Heidfeld: "Kubica sbagliava a pensare che BMW mi favorisse"

condividi
commenti
Heidfeld: "Kubica sbagliava a pensare che BMW mi favorisse"
Di:
Co-autore: Oleg Karpov
23 apr 2020, 14:29

L'ex pilota di Formula 1 Nick Heidfeld ritiene che il suo ex compagno di squadra Robert Kubica sbagliasse nel ritenere che la BMW abbia favorito il tedesco all'interno della squadra.

Heidfeld e Kubica hanno fatto squadra dalla metà del 2006 fino all'uscita di BMW dalla Formula 1 alla fine della stagione 2009. La coppia è stata parte integrante della breve ascesa di BMW, che è culminata nella lotta per il titolo nel 2008.

Kubica e Heidfeld hanno centrato una clamorosa doppietta al Gran Premio del Canada, dopo di che la squadra ha spostato lo sviluppo sulla deludente vettura del 2009.

Nel podcast "Beyond The Grid", Heidfeld ha elogiato il suo ex compagno di squadra, ma ha anche detto che Kubica ha sbagliato a suggerire di essere sfavorito all'interno della BMW.

"E' stato il compagno di squadra che ho avuto più a lungo in Formula 1, per quasi tre stagioni" ha detto Heidfeld. "E direi che è stato il più completo di tutti i compagni di squadra che ho avuto".

"Non era veloce come Kimi (Raikkonen) in gara e non era veloce come Webber in qualifica. Ma nel complesso era davvero il migliore".

"Quello che non mi piaceva di lui, o quello che era anche per se lui stesso non proprio utile, è che la maggior parte del tempo pensava che la squadra mi favorisse, perché era una squadra tedesca come BMW e io ero un pilota tedesco".

"Non mi è piaciuto perché l'ha detto spesso ai giornali e penso che non fosse vero. Diceva sempre che la squadra preferiva me a lui, e io avevo materiale migliore... non era vero".

Alla fine, la scommessa di BMW di spostare l'attenzione sui nuovi regolamenti per il 2009 non ha funzionato. La squadra ha faticato ad essere competitiva, con Heidfeld e Kubica che hanno concluso rispettivamente al 13esimo e 14esimo posto nel Mondiale, con un solo podio a testa.

A luglio 2009, la BMW ha deciso di ritirarsi dalla Formula 1 alla fine dell'anno. Heidfeld ritiene che sia stata una scelta troppo frettolosa da parte della Casa bavarese.

"Penso che uno dei fatti più importanti sia stato il fatto che si siano ritirati troppo presto secondo me" ha sostenuto.

"Dal punto di vista del team e della BMW nel suo complesso, considerando la crisi finanziaria che avevamo allora, probabilmente è stata la decisione giusta, non lo so. Ma se si guarda ai loro risultati, penso che abbiano fatto davvero molto bene".

"Venendo da una squadra relativamente piccola, come la Sauber, salendo di livello, è normale che a volte ci sia un passo indietro. E poi hanno semplicemente staccato la spina troppo presto, credo".

Leggi anche:

Nel 2008 la BMW era ancora in lizza per entrambi i campionati quando decise di spostare l'attenzione sul 2009, con Kubica in testa al campionato. Tuttavia, Heidfeld non crede che la squadra di Hinwil avrebbe avuto la possibilità di andare fino in fondo.

"Come si vede con alcune altre squadre quando vedono la possibilità di lottare per il campionato del mondo, ci mettono tutto il loro impegno. E questo non è successo alla BMW. Ma ad essere onesti, non credo che fosse una vera possibilità".

"Se si guarda alla prestazione, anche se Kubica ha vinto in Canada ed era davanti in campionato, la nostra vettura non era così forte come alcune delle altre".

Articolo successivo
Steiner: "I piccoli team servono alla F1, non buttiamo soldi"

Articolo precedente

Steiner: "I piccoli team servono alla F1, non buttiamo soldi"

Articolo successivo

McLaren non teme problemi contrattuali con la stagione allungata

McLaren non teme problemi contrattuali con la stagione allungata
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Filip Cleeren