Hamilton vuole incontrare Todt per parlare della scuola dei bambini che corrono

condividi
commenti
Hamilton vuole incontrare Todt per parlare della scuola dei bambini che corrono
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
05 nov 2018, 11:41

Molti genitori trascurano il percorso scolastico con i figli che tentano una carriera nelle corse. Hamilton si vuole impegnare perché ci siano delle opportunità formative: "Se un giovane non diventerà un campione, magari potrebbe diventare un ingegnere di un team".

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, sul palco
Jean Todt, Presidente FIA
Andrea Kimi Antonelli nel motorhome Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton si schiera a favore della scuola, ma non contro le corse. È encomiabile il fatto che un pilota cinque volte campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton si faccia paladino affinché i giovani talenti che provano a costruire una carriera nel Motorsport non debbano compromettere rischiano la loro formazione culturale e scolastica, per cui intende parlarne con il presidente della FIA, Jean Todt.

Anche perché sono pochissimi i ragazzi che trovano uno sbocco professionale nelle corse, mentre la ricaduta nel mondo normale può avere effetti pesanti.

"Voglio continuare a correre, ma vorrei cominciare a incoraggiare la formazione dei bambini - ha detto Hamilton - Spero di incontrarmi con Jean, perché ritengo che ci possa esserci un impatto positivo affinché i ragazzi che corrono siano messi nella condizione di andare anche a scuola, perché molti bambini che corrono non hanno un'istruzione o non ricevono un'istruzione”.

"Ci sono genitori che allontano i figli dalla scuola e si concentrano nel tentativo di ottenere il massimo nelle corse, ma quando ciò non accade, c’è uno schianto in terra”.

"Ovviamente vincere un campionato è una grande cosa, ma spero di poter lavorare su questo argomento con Jean, perché questi ragazzi, anche se non arrivano in Formula 1, o non saranno dei piloti professionisti, possano magari diventare degli ingegneri”.

"All'interno dei team, ci sono centinaia di persone per cui ci possono essere tante opportunità all'interno delle varie strutture che penso valga la pena che si faccia qualcosa”.

Hamilton ha detto di sapere che "sarà sempre ricordato come un pilota da corsa" ma ha anche altre idee al di fuori della pista e che spera di usarle per implementare la sua piattaforma.
"La Formula 1 mi ha offerto della grandi opportunità che mi hanno permesso di accrescere le mie basi della conoscenza per fare altre cose”.

"Non voglio passare per uno che vuole solo prendere. Vorrei realizzare qualcosa di positivo per il futuro. Quindi, mi piacerebbe contribuire a costruire una scuola, se può essere utile a superare i momenti difficili. Non è facile tradurre l’idea in parole, ma voglio provare a dare un senso al mio tempo su questa terra”.

Articolo successivo
F1 la gallery degli iridati: ecco i 33 piloti campioni del mondo

Articolo precedente

F1 la gallery degli iridati: ecco i 33 piloti campioni del mondo

Articolo successivo

Red Bull: Exxon Mobil accorcia i tempi di sviluppo della benzina grazie all'Honda

Red Bull: Exxon Mobil accorcia i tempi di sviluppo della benzina grazie all'Honda
Carica i commenti