Hamilton: "Il secondo posto perso per un danno al retrotreno"

Il sette volte campione del mondo ha accusato un danno ad una componente aerodinamica che ha reso instabile il retrotreno e condizionato la sua gara. Lewis, però, ha chiesto a gran voce l'arrivo di aggiornamenti per evitare altre domeniche di sofferenza.

Hamilton: "Il secondo posto perso per un danno al retrotreno"

Per la quinta gara consecutiva Lewis Hamilton non è riuscito a salire sul gradino più alto del podio. In una domenica che ha visto Max Verstappen conquistare l’ennesimo successo e sancire la fuga mondiale, il sette volte campione del mondo ha sofferto ed ha chiuso fuori dal podio in quarta posizione.

Lewis aveva già indicato nelle scorse settimane come la Mercedes avrebbe dovuto affrontare questo periodo di inferiorità tecnica cercando di difendersi dagli attacchi della Red Bull, ma oggi è arrivato anche un imprevisto a complicare i piani dell’inglese.

Nella seconda fase di gara sulla vettura numero 44 è stato riscontrato un danno ad una componente aerodinamica del retrotreno che ha reso un inferno la gara di Lewis.

L’inglese era riuscito a sopravanzare uno splendido Lando Norris nelle battute iniziali, ma è poi stato costretto a lasciare strada a Valtteri Bottas visto il ritmo superiore del suo compagno di team e farsi superare nuovamente dal portacolori della McLaren.

“Avevo già detto prima della gara che oggi sarebbe stato difficile battere Max. Ovviamente perdere così tanta downforce al posteriore e non essere in grado di chiudere in seconda posizione è frustrante. Abbiamo perso molti punti oggi”.

Hamilton ha recriminato per un imprevisto che gli è costato un secondo posto che gli avrebbe consentito di ridurre il divario in classifica da Verstappen. L’olandese adesso guarda tutti dall’alto dei suoi 182 punti, mentre Lewis segue distanziato di 32 lunghezze.

“La seconda posizione era alla nostra portata, ma tutto è accaduto all’improvviso e non sono più stato in grado di tenere il passo dei ragazzi che mi precedevano”.

Hamilton ha poi affermato di non aver compiuto manovre estreme in pista e di non aver capito dove il componente aerodinamico si sia danneggiato.

“Non ho idea di dove si sia rotto il componente. Ho affrontato i cordoli sempre alla stessa maniera ma ho riportato un danno importante”.

Dopo tre appuntamenti di fila la Formula 1 si prende adesso una settimana di pausa per poi tornare in pista a Silverstone. Sul tracciato di casa per il team di Brackley tutti si attendono una reazione.

Lo stesso Lewis ha chiesto a gran voce l’arrivo di aggiornamenti per poter lottare ad armi pari con la Red Bull.

“Abbiamo molto lavoro da fare. Sono consapevole che sono tutti concentrati, ma loro hanno portato molte novità nelle ultime gare, mentre noi nessuna. Dobbiamo portare degli aggiornamenti e trovare più performance possibili altrimenti i risultati saranno sempre questi”.

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
1/20

Foto di: Alessio Morgese

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
2/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
3/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
4/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
5/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sir Lewis Hamilton, Mercedes W12

Sir Lewis Hamilton, Mercedes W12
6/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
7/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
8/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
9/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes

Lewis Hamilton, Mercedes
10/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
11/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
12/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
13/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
15/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
16/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lando Norris, McLaren MCL35M, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lando Norris, McLaren MCL35M, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02
17/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lewis Hamilton, Mercedes W12
19/20

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lando Norris, McLaren MCL35M, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lando Norris, McLaren MCL35M, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12, Valtteri Bottas, Mercedes W12, Pierre Gasly, AlphaTauri AT02
20/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condividi
commenti
Norris deluso: "Avrei potuto chiudere in seconda posizione"

Articolo precedente

Norris deluso: "Avrei potuto chiudere in seconda posizione"

Articolo successivo

Chinchero: "La Ferrari ha ottenuto il massimo. Ecco perché"

Chinchero: "La Ferrari ha ottenuto il massimo. Ecco perché"
Carica i commenti