Hamilton: accordo a 40 milioni ma prende tempo

Il campione del mondo ha raggiunto un accordo verbale con la Mercedes per rinnovare il contratto per un anno, lasciandosi poi la facoltà di ridiscutere tutto prima della stagione 2022. Lewis lascia intendere che ci sono ancora dei dettagli da definire sul suo impiego anche come uomo immagine, per cui la firma ci sarà solo a mondiale piloti chiuso. Vale a dire all'inizio della prossima settimana?

Hamilton: accordo a 40 milioni ma prende tempo

Quaranta milioni di dollari per un anno. Lewis Hamilton è pronto ad accettare la cifra economica per il rinnovo del contratto con la Mercedes. L’esa-campione siglerà il rinnovo subito dopo essersi laureato iridato per la settima volta, per cui non è da escludere che ciò accada al ritorno dalla trasferta all’Istanbul Park, dove Lewis può chiudere la partita mondiale con due gare d’anticipo.

Il britannico, quindi, punterà a sbriciolare il record di titoli di Michael Schumacher nel 2021 potendo contare su una W11 che difficilmente troverà sfidanti in grado di mettere in dubbio la netta supremazia mostrata quest’anno, visto che le monoposto 2020 correranno anche nel prossimo campionato, solo con una riduzione del carico aerodinamico valutato nel 10% che non dovrebbe rivoluzionare i valori tecnici che ben conosciamo.

L’accordo, quindi, sarà di un anno con l’opzione per il successivo che sarà valida sia per la squadra, sia per il pilota. Ciascuna parte sarà libera di prendere la sua strada se ci sarà qualche cambiamento nei piani a lungo termine da una parte, ma anche dall’altra.

"Credo di avere il miglior contratto che ci sia, per come è strutturato e per la gestione del tempo - ha detto Lewis -. Con la squadra che ho intorno penso che il clima sia fantastico, ma cerco sempre di vedere come possiamo migliorare. Come posso essere più efficiente e dare di più ai nostri partner?”.

"Naturalmente, penso che sia facile andare a firmare semplicemente quell'accordo senza dover pensare al dopo. E sono molto consapevole dell'idea che voglio continuare con la Mercedes, mi piacerebbe aiutarli a spingere in questa fase di cambiamento”.

"Stanno rendendo le Mercedes sempre più ecocompatibili ed elettrificate e io voglio aiutarli su questa strada. Vorrei aiutarli in termini di promozione della diversità. Non si fa ancora abbastanza, ecco perché c'è molto ancora da discutere".

Poi Hamilton è tornato sulle parole dette a Imola dopo la conquista del settimo titolo mondiale Costruttori sull’opportunità di non restare con la Stella…

"Penso che arriveremo al punto, dopo che il nostro lavoro sarà finito, quindi alla fine dell'anno. Ma nulla è scolpito nella pietra. Penso che si tratti solo di parlarne. E al momento, non mi sento come se avessi concluso il mio impegno”.

"Penso che ci siano sempre aree da migliorare. Amo le corse. Amo la sfida. E non credo che siano cose che cambieranno tanto presto".

Qualcuno adombra l’ipotesi che ci sia chi sta lavorando sott’acqua per portare a Maranello la coppia formata da Toto Wolff e Lewis Hamilton nel 2022 quando la F1 entrerà nell’era delle monoposto a effetto suolo.

Un’operazione che richiederebbe tempo per essere, eventualmente, portata a termine, tenuto conto che il manager austriaco dovrebbe liberarsi del 30% di quote del team Mercedes e cedere anche la partecipazione in Aston Martin e quella in Williams, se non lo avesse già fatto.

Ma non è il caso di guardare troppo oltre, visto che Lewis deve ancora mettere nero su bianco sul futuro prossimo, perché mai il campione del mondo deve chiudere il contratto a tempo quasi scaduto.

condividi
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio della Turchia: Libere 1
Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio della Turchia: Libere 1

Articolo successivo

Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia

Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia
Carica i commenti