GP Abu Dhabi: Hamilton in pole nella notte davanti a Bottas e Vettel

condividi
commenti
GP Abu Dhabi: Hamilton in pole nella notte davanti a Bottas e Vettel
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
24 nov 2018, 14:23

Undicesima pole stagionale per il campione del mondo con la Mercedes: Hamilton batte il record della pista di Abu Dhabi centrando la 84esima partenza al palo Mercedes su 100 GP dell'era ibrida. L'inglese precede Bottas, Vettel e Raikkonen. Ottavo Leclerc!

Undicesima pole stagionale di Lewis Hamilton: il campione del mondo ha stracciato il record della pista di Abu Dhabi con uno strepitoso tempo di 1'34"794 ottenuto con le gomme Hypersoft nell'ultimo run, quando l'inglese ha stroncato le reni di Valtteri Bottas, il compagno di squadra che è rimasto staccato di 162 millesimi, quando il finlandese è riuscito a fare il suo giro perfetto.

Contro Lewis nel giro secco non c'è niente da fare: la Mercedes conquista tutta la prima fila e la 84esima partenza al palo dei 100 GP dell'era ibrida. Davvero incredibile come Hamilton riesca a fare la differenza su tutti nel terzo settore dove è inavvicinabile. Che abbia sfruttato al meglio il sistema che simula le quattro ruote sterzanti (e che Bottas non gradisce) per fare la differenza? Gli osservatori attenti hanno notato il comportamento della W09 anche a occhio nudo...     

Leggi anche:

Sarà da vedere se Lewis sarà disposto a cedere in gara il successo al nordico per ripagarlo dei molti sacrifici a cui è stato chiamato dalla squadra di Brackley nel corso della stagione. Le due W09 sono state le uniche a sfondare il muro dell'1'35" quasi a volere segnare una supremazia anche di motore delle frecce d'argento. E ricordiamo che le Mercedes hanno fatto le qualifiche con i cerchi dotati dei buchi per vedere se la Ferrari avrà il coraggio di protestarli.

Sebastian Vettel è terzo ma staccato di 331 millesimi con il tempo di 1'35"125. Il tedesco è stato l'ultimo a entrare in pista per sfruttare al massimo l'evoluzione del circuito, ma non è servito a niente: la Ferrari, pur mostrando una maggiore velocità massima, non ha mostrato il passo per sfidare le frecce d'argento nel giro secco, ma la musica sarà diversa domani per la gara quando tutti i piloti top, tranne Max Verstappen, si schiereranno al via con le gomme Ultrasoft, usate per fare il tempo in Q2.

La seconda fila è stata completata da Kimi Raikkonen: Iceman nel commiato con il Cavallino ha fatto la sua parte tenendosi alle spalle le due Red Bull. Colpisce che ci sia Daniel Ricciardo davanti a Max Verstappen, solo sesto. Nelle libere sembrava che l'olandese potesse puntare a qualcosa di più nell'ultima occasione per battere il record di Vettel del pilota più giovane in pole. Max si è disunito nella Q2 quando ha dovuto fare ricorso alle Hypersoft per passare il taglio e poi non è più stato lucido per dare il suo meglio.

Il primo degli altri è stato Romain Grosjean ottimo con la Haas: il francese, dopo essersi scusato con Pierre Gasly per l'incomprensione nelle libere del mattino, ha tratto iil massimo dalla vettura del team americano. Ha preceduto di 45 millesimi Charles Leclerc che ha portato la Sauber in quarta fila, dopo aver conquistato un sorprendente quinto posto in Q2. Il ragazzino sfrutta il talento e lo mette in mostra, cancellando il botto di questa mattina come un colpo di spungan sulla lavagna.

Positivo anche Esteban Ocon nono con la Force India davanti a Nico Hulkenberg con la migliore Renault. Resta fuori dalla top ten Carlos Sainz con l'altra R.S.18: lo spagnolo ha preceduto Marcus Ericsson che 12esimo con la seconda Sauber. La grande delusione è stato Kevin Magnussen che si è dovuto arrendere in Q2 con la Haas, pagando sei decimi dal compagno di squadra a parità di sessione.

Non ha trovato un giro pulito nemmeno Sergio Perez con la Force India: il messicano ha preceduto Fernando Alonso di un paio di decimi, ma per lo spagnolo che è al congedo dalla F1, l'aver superato la tagliola della Q1 è equivalso a conquistare la pole con la pessima McLaren.

Leggi anche:

Non riesce a superare la tagliola della Q1, ma se non altro Brendon Hartley, 16esimo nel GP di uscita dalla F1 è riuscito a stare davanti al compagno di squadra Pierre Gasly. I due piloti della Toro Rosso sono rimasti separati da un decimo, ma il francese ha da recriminare perché nell'ultimo run aveva due intertempi che gli avrebbero permesso di passare alla Q2. Peccato che all'uscita dall'ultima curva qualcosa ha ceduto nella meccanica della STR12 e non ha potuto tagliare il traguardo e non sullo slancio, senza potenza.

Dietro alle due monoposto di Faenza si è sistemato Stoffel Vandoorne con la seconda McLaren: il belga ha ormai sganciato con la F1 dopo una stagione disastrosa nella quale le ha sempre prese di santa ragione da Alonso, anche se solo raramente aveva lo stesso materiale dello spagnolo. A Woking lo hanno a lungo bistrattato: si rifarà con la Mercedes in FE.

La Williams chiude la griglia: Sergey Sirotkin ha finito la sua avventura nel Circus mettendo il suo muso davanti a quello di Lance Stroll per 47 millesimi di secondo... 

 
Cla # Pilota Chassis Motore Tempo Gap km/h
1 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 1'34.794   210.924
2 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 1'34.956 0.162 210.564
3 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 1'35.125 0.331 210.190
4 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 1'35.365 0.571 209.661
5 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 1'35.401 0.607 209.582
6 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 1'35.589 0.795 209.170
7 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 1'36.192 1.398 207.859
8 16 Monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 1'36.237 1.443 207.762
9 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 1'36.540 1.746 207.110
10 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 1'36.542 1.748 207.105
11 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 1'36.982 2.188 206.166
12 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 1'37.132 2.338 205.847
13 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 1'37.309 2.515 205.473
14 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 1'37.541 2.747 204.984
15 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 1'37.743 2.949 204.560
16 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 1'37.994 3.200 204.036
17 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 1'38.166 3.372 203.679
18 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 1'38.577 3.783 202.830
19 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 1'38.635 3.841 202.711
20 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 1'38.682 3.888 202.614
Articolo successivo
Caso Force India: Haas non ci sta e invia una lettera d'intenti per fare appello

Articolo precedente

Caso Force India: Haas non ci sta e invia una lettera d'intenti per fare appello

Articolo successivo

Vettel: "Peccato per la prima fila, ma domani partiremo con le Ultrasoft e daremo tutto"

Vettel: "Peccato per la prima fila, ma domani partiremo con le Ultrasoft e daremo tutto"
Carica i commenti