Google Maps ricorda l'errore costato la vittoria a Norris in Russia

Un burlone ha modificato Google Maps, rinominando la via di fuga della pista di Sochi in cui è avvenuta l'escursione che è costata a Lando Norris la sua prima vittoria in Formula 1.

Google Maps ricorda l'errore costato la vittoria a Norris in Russia

Lando Norris ha avuto la sua prima vera possibilità di vincere un Gran Premio di Formula 1 in Russia. Il britannico ha condotto per gran parte della gara ed era in lotta con Lewis Hamilton, che nel finale aveva ridotto a circa tre secondi un distacco che era stato anche di quasi 11 verso la metà.

La situazione è cambiata a sette giri dalla bandiera a scacchi, quando ha cominciato a cadere la pioggia, permettendo ad Hamilton di farsi sotto e rendendo la pista scivolosa. Il pilota della Mercedes a quel punto è rientrato ai box per montare le gomme intermedie, mentre il rivale della McLaren è rimasto in pista.

A tre giri dalla fine, le condizioni erano tali da rendere impossibile la guida con le gomme slick e Norris ha perso il controllo della sua McLaren, facendolo precipitare in settima posizione. Va detto però che il pilota della McLaren non è stato il solo a sbagliare, visto che in quel frangente sembrava davvero di guidare sul ghiaccio. Il suo errore però è risultato il più evidente, visto che gli è costato la vittoria.

Leggi anche:

Anche se ormai sono passate quasi due settimane, sul web se ne parla ancora in maniera diffuso e alcuni fanno hanno voluto ricordare in maniera indelebile il punto in cui Norris ha perso completamente il controllo della sua vettura.

Su Google Maps, nella via di fuga è stato messo un punto di interesse chiamato "Lando Norris hopes and dreams" (sogni e speranze di Lando Norris), e un altro utente ha commentato: "Non consiglio di visitarla, perché riporta dolorosi ricordi di sogni infranti di un ragazzo inglese. RIP P1 di Lando a Sochi".

Per cercare di evitare un problema simile in futuro, la McLaren e Norris hanno lavorato tre giorni al simulatore alla ricerca di soluzioni che gli possano permettere di interagire meglio in futuro, senza farsi sfuggire un'opportunità del genere.

condividi
commenti
Ferrari: cinque ragazzi iniziano la F1 Engineering Academy
Articolo precedente

Ferrari: cinque ragazzi iniziano la F1 Engineering Academy

Articolo successivo

Motori F1 2026: ora si discute un KERS più potente a due stadi

Motori F1 2026: ora si discute un KERS più potente a due stadi
Carica i commenti