Giovinazzi: "Sento che non sarà la mia ultima gara in F1"

Antonio Giovinazzi è all'ultima gara di F1, poi passerà in Formula E con Dragon. A suo avviso questa non sarà la sua ultima uscita nella serie. Poi dice: "Sono cresciuto come pilota e uomo, ma dovevamo raccogliere di più".

Giovinazzi: "Sento che non sarà la mia ultima gara in F1"

Antonio Giovinazzi è all'ultimo atto del Mondiale 2021 di Formula 1. Per lui, il Gran Premio di Abu Dhabi, si tratterà dell'ultima gara nel Circus iridato. Dopo essere stato scaricato da Alfa Romeo, il pugliese correrà in FIA Formula E con il team Dragon a partire dalla prossima stagione.

Dopo aver centrato un grande nono posto a Jeddah la scorsa settimana, Antonio ha mostrato ancora una volta il suo valore e in una gara priva di condizionamenti esterni - errori di guida o, soprattutto, errori a livello di strategie - è riuscito a massimizzare il suo potenziale e quello della C41.

Ma ora è davvero arrivato quello che può essere l'ultimo atto della carriera nella massima serie a ruote scoperte del motorsport. Eppure, Antonio, cerca di vivere in maniera positiva questo momento, pensando che questa non sia l'ultimo appuntamento della sua vita con la F1.

"Se devo essere onesto non sento che questa sia la mia ultima gara in Formula 1. Poi, certo, per ora lo sarà. Voglio solo godermi la gara come ho fatto in Arabia Saudita, e questa sarà l'ultima che passerò con Kimi accanto. Lui si ritirerà. Sono stati tre anni buoni, in realtà. Kimi poi lo conoscevo già quando eravamo in Ferrari. Con lui ho avuto un buon rapporto, poi naturalmente veniamo da un buon fine settimana, avendo segnato punti".

"Non so come andremo qui, perché ad esempio in Qatar non siamo andati da nessuna parte, ma improvvisamente a Jeddah siamo andati forte. E la macchina era la stessa. Quindi vedremo come sarà qui. Cercherò di godermi la gara, sperando che sia buona come quella di domenica".

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C41, Fernando Alonso, Alpine A521

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C41, Fernando Alonso, Alpine A521

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

"Per me Jeddah è stato davvero bello. Sai, è stata una stagione molto dura. Siamo andati tantissime volte vicino a segnare punti, ma ho inanellato una serie molto lunga di 11esime posizioni. Inoltre ho ricevuto la notizia che non correrò in Formula 1 l'anno prossimo. Quindi quello di Jeddah è stato proprio un buon fine settimana e penso che lo sia stato dalle Libere 1 del venerdì".

"Sapevo che per cogliere dei punti avrei avuto speranze solo in una pista nuova e sul cittadino dell'Arabia Saudita è stato bello. Abu Dhabi è una pista che conosciamo, ma ci sono curve diverse, quindi sarà difficile prevedere cosa potrà accadere domenica. Sono felice però di quanto abbiamo fatto la settimana scorsa".

Antonio, poi, ha fatto un bilancio dei suoi anni in Formula 1 con Sauber-Alfa Romeo. Si è definito cresciuto come pilota e come uomo, ma anche di essere insoddisfatto dei risultati ottenuti nelle ultime due stagioni.

"Sono contento di me stesso, del percorso che ho fatto. Sono cresciuto come pilota, come persona. Sono un pilota e una persona migliore. Sono contento di me stesso. Non abbiamo ottenuto ciò che avremmo meritato, soprattutto l'anno scorso e quest'anno. Ma sono le corse, è uno sport e non posso cambiare nulla del passato".

"La delusione più grande è stata certamente quest'anno. Abbiamo avuto una monoposto migliore rispetto all'anno scorso e arrivare in Arabia Saudita avendo colto un solo punto fino a quel momento è stata una grande delusione per me. Abbiamo firmato punti a Jeddah e ora cercheremo di ripeterci a Yas Marina, ma come ho detto, non abbiamo raggiunto quello che ci saremmo meritati sia come squadra, sia a livello personale".

Leggi anche:

Molto bello, infine, il pensiero di Esteban Ocon, pilota Alpine, che ha condiviso con Antonio la conferenza stampa. Il francese è stato in Formula 1 con Force India, prima di rimanere fermo per un anno e trovare posto poi in Renault, divenuta quest'anno Alpine.

"Naturalmente, sono stato molto deluso nel vederlo andare via. Penso che Antonio sia uno di quei piloti che hanno il diritto di rimanere in Formula 1, che dovrebbe essere in Formula 1. Sai, non vedo l'ora di vederlo di nuovo in futuro. E gli auguro il meglio, ma sì, ha solo bisogno di continuare a spingere e rimanere intorno alla Formula 1, l'opportunità arriverà".

Livrea di Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Livrea di Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Photo by: Alfa Romeo

condividi
commenti
Sainz: "Sono un pilota molto più forte rispetto a inizio anno"
Articolo precedente

Sainz: "Sono un pilota molto più forte rispetto a inizio anno"

Articolo successivo

F1 | I Mondiali decisi da clamorosi incidenti

F1 | I Mondiali decisi da clamorosi incidenti
Carica i commenti