Giovinazzi: l'uscita dell'Alfa causata da foratura lenta

condividi
commenti
Giovinazzi: l'uscita dell'Alfa causata da foratura lenta
Di:
15 lug 2019, 13:37

L'italiano è finito nella ghiaia della curva Club al 19esimo giro a causa di una perdita d'aria determinata da un problema al cerchio posteriore destro.

Antonio Giovinazzi è stato (suo malgrado) una variabile importante del Gran Premio di Gran Bretagna. Quando al diciannovesimo giro è improvvisamente finito nella via di fuga della curva Club, il pilota dell’Alfa Romeo è rimasto intrappolato nella sabbia, rendendo necessario l’intervento dei mezzi di soccorso che ha comportato il conseguente ingresso in pista della safety car.

Dopo la brillante qualifica che lo ha confermato davanti a Kimi Raikkonen (il bilancio ora è 6-4 ancora a favore di Iceman) Giovinazzi ha perso progressivamente terreno nei primi giri di gara, fino allo stop che inizialmente è sembrato un errore del pilota, ma l’impressione si è rivelata errata.

Leggi anche:


“È sempre deludente non finire la gara – ha commentato Antonio - qualcosa è andato storto con la monoposto e mi ha sono ritrovato sulla ghiaia, investigheremo sull’accaduto. È una circostanza sfortunata, ma a volte le cose non vanno come vorresti. Mi trovato vicino a Kimi e avevamo strategie simili, quindi avrei potuto confermarmi ancora in zona punti, ne sono certo, e sarebbe stata una bella soddisfazione confermarmi in top-10 dopo Spielberg”.

 

Anche il team principal Frederic Vasseur ha confermato un problema meccanico come causa dell’uscita di pista di Giovinazzi, senza però scendere nel dettaglio.

L’effetto è stato quello di una foratura, ma il problema sembra (secondo indiscrezioni raccolte da motorsport) che sia sorto nell’area del cerchio posteriore destro, e che la perdita di pressione sia stata in realtà un effetto e non la causa dell’inconveniente che ha bloccato l’incolpevole Giovinazzi.

Molto probabilmente Antonio ha accusato progressivamente la perdita di aderenza ben prima del giro 19, come conferma anche il suo ritmo di gara non irresistibile rispetto a quello di Kimi.
“Possiamo comunque essere soddisfatti delle nostre prestazioni – ha concluso Giovinazzi - la squadra ha comunque conquistato dei punti facendo un altro passo avanti in classifica. Le posizioni a metà schieramento sono alla nostra portata, dobbiamo solo continuare a lavorare al massimo per mantenere lo status che abbiamo ora”.

Scorrimento
Lista

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 in the gravel

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38 in the gravel
1/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, climbs out of his car after beaching it in a gravel trap

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, climbs out of his car after beaching it in a gravel trap
2/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi lascia l'Alfa Romeo C38 dopo l'uscita

Antonio Giovinazzi lascia l'Alfa Romeo C38 dopo l'uscita
3/12

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
4/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
5/12

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
6/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19 rientra in pista, dopo essere andato largo, accanto ad Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19 rientra in pista, dopo essere andato largo, accanto ad Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
8/12

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Il volante della monoposto di Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Il volante della monoposto di Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
9/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing sulla griglia

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing sulla griglia
10/12

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, durante la conferenza stampa

George Russell, Williams Racing, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, durante la conferenza stampa
11/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
12/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Articolo successivo
Vettel in crisi: è la disillusione Ferrari del campione tedesco?

Articolo precedente

Vettel in crisi: è la disillusione Ferrari del campione tedesco?

Articolo successivo

Red Bull: quattro pinne per aumentare il carico sul fondo

Red Bull: quattro pinne per aumentare il carico sul fondo
Carica i commenti