Giovinazzi diventa un uomo mercato per il 2019: oltre alla Sauber ci sono altre due squadre interessate?

condividi
commenti
Giovinazzi diventa un uomo mercato per il 2019: oltre alla Sauber ci sono altre due squadre interessate?
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
27 giu 2018, 16:12

L'italiano è indicato come il favorito per approdare ad Hinwil se Leclerc dovesse cambiare squadra, ma i rumors dicono che potrebbero esserci anche altre due squadre non ancora identificate interessate a lui.

Antonio Giovinazzi, Ferrari SF71H
Antonio Giovinazzi, Ferrari SF71H
Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1, e Antonio Giovinazzi, pilota sviluppatore Ferrari
Antonio Giovinazzi, Ferrari SF71H
Antonio Giovinazzi, Ferrari SF71H
Antonio Giovinazzi, Sauber, parla con i media
Antonio Giovinazzi, Sauber C37
Antonio Giovinazzi, Sauber C37
Antonio Giovinazzi, Sauber C37

I criteri che determinano l’assegnazione della superlicenza F1, introdotti tre anni fa dalla FIA, hanno definito un accesso meritocratico al Circus. Il sistema prevede che un giovane pilota abbia accumulato 40 punti (in un periodo di tre anni) con un criterio di assegnazione che varia in base ai campionati in cui ha militato.

Una volta raggiunto il punteggio, anche se il pilota non riesce a trovare uno sbocco immediato in Formula 1, può contare su tre anni di validità della superlicenza conquistata sul campo. La premessa è importante, perché ha limato parecchio il gruppo di piloti che può sperare in una chance nel Circus, andando a colpire soprattutto chi può contare su grandi disponibilità economiche a dispetto di curriculum molto leggeri.

La stagione di Formula 1 2018 deve ancora passare il giro di boa, ma per quanto riguarda il 2019 c’è già chi, armato di carta e penna, sta cercando di calcolare chi avrà il "lasciapassare" per provare a cercare la chance della vita, ma la graduatoria è molto corta se si considera chi ha davvero chance di ingolosire una squadra di Formula 1.

Oltre a Lando Norris, il cui destino sembra già scritto in McLaren, c’è George Russell, che gravita nell’orbita Mercedes. Dietro di loro poca roba, almeno al momento. Ma in cima alla lista di diversi team manager, c’è un nome che non è stato dimenticato, nonostante oltre un anno di assenza da una griglia di partenza per monoposto: Antonio Giovinazzi.

Il terzo pilota della Ferrari la superlicenza l’ha ottenuta da tempo, ma lo scorso anno fu superato nelle gerarchie interne a Maranello da Charles Leclerc, che gli scippò la chance Sauber grazie all’ottima stagione in Formula 2. Ma il ventiquattrenne pugliese si è rimboccato le maniche ed ha proseguito a testa bassa il suo lavoro al simulatore del Cavallino, facendosi trovare pronto ad ogni chance che gli è stata concessa.

L’ultima in ordine cronologico è arrivata a Barcellona, nei test sostenuti con Ferrari e Sauber all’indomani del Gran Premio di Spagna. E Antonio ha sempre risposto alla grande, nonostante la pressione di chi deve salire in macchina costantemente sotto esame e con lunghissime pause tra una prova e l’altra.

Questa volta il paddock non ha sofferto di amnesia, e non è solo la Ferrari a pensare a Giovinazzi in chiave futura. I rumors dicono che almeno altri due team nel paddock stanno valutando il vice-campione F2 del 2016 come possibile candidato per il prossimo Mondiale, ma nessuno per ora è uscito allo scoperto in attesa di verificare cosa deciderà la Ferrari, che detiene il contratto di Antonio.

Non ci sono ovviamente dichiarazioni ufficiali, ma è logico pensare che se Leclerc lascerà libera la monoposto che oggi guida in Sauber sarà Giovinazzi a prendere il suo posto, centrando con dodici mesi di ritardo l’obiettivo che si era posto dopo l’esordio part-time di Melbourne e Cina 2017.

In una Formula 1 che ha praticamente azzerato i test, diventa sempre più difficile affidare una monoposto ad un giovane senza essere disposti a prendersi qualche rischio, e Giovinazzi in questo momento rappresenta un ottimo mix (di età ed esperienza) che offre molto più garanzie rispetto ad un rookie fresco di formule minori.

Pur avendo disputato solo due Gran Premi, Giovinazzi è coinvolto con la Ferrari da due anni, ed ha maturato un’esperienza lavorativa di alto livello.

Forse il momento è arrivato, e sarebbe una grande notizia per l’automobilismo italiano, ma soprattutto per un pilota che merita una chance completa, senza chiamate last-minute che lo hanno sempre obbligato ad inseguire avversari con l’handicap dei chilometri mancanti.

Prossimo articolo Formula 1
Barnard lancia l'allarme: "La McLaren potrebbe non sopravvivere ai cambiamenti di cui necessita"

Previous article

Barnard lancia l'allarme: "La McLaren potrebbe non sopravvivere ai cambiamenti di cui necessita"

Next article

Simulazione GP Austria: i piloti a tavoletta per il 74% del giro al Red Bull Ring!

Simulazione GP Austria: i piloti a tavoletta per il 74% del giro al Red Bull Ring!

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Antonio Giovinazzi
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Ultime notizie