Gasly: "Il tracciato di Jeddah impressionante al simulatore"

Il pilota francese, dopo aver girato sul tracciato di Jeddah al simulatore, si è detto impressionato dalle velocità raggiunte e da quanto i muretti a bordo pista siano vicini.

Gasly: "Il tracciato di Jeddah impressionante al simulatore"

Riscattare la delusione del Qatar. È questo l’obiettivo in casa AlphaTauri alla vigilia del penultimo appuntamento della stagione. L’inedito tracciato di Jeddah rappresenterà, però, una sfida per tutti perché sia team che piloti arriveranno sul tracciato dell’Arabia Saudita senza alcun riferimento precedente.

Inoltre, complici i ritardi dei lavori per il completamento del tracciato, è altamente probabile che l’aderenza garantita dall’asfalto possa essere minima e questo potrebbe rappresentare un problema in più da affrontare su un circuito velocissimo ma con i muretti estremamente vicini.

Pierre Gasly ha parlato delle sue aspettative per la penultima gara della stagione ed ha sottolineato come, almeno al simulatore, il tracciato di Jeddah gli sia sembrato davvero impressionante.

Leggi anche:

“A giudicare da quello che ho visto provando al simulatore, ci attende un circuito estremamente veloce, con un gran numero di curve molto veloci, alcune delle quali cieche. Penso sia particolarmente difficile ed è ulteriormente sfidante perché la pista è completamente nuova”.

“Nessuno ci ha praticamente mai girato, l’asfalto non sarà gommato e probabilmente perderà anche un po’ d’olio. È un circuito cittadino con un’aderenza piuttosto bassa e nessuno ha dei dati relativi a questa pista”.

Pierre Gasly, AlphaTauri AT02

Pierre Gasly, AlphaTauri AT02

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

“Da parte nostra, però, abbiamo già dimostrato in Qatar che sappiamo adattarci molto velocemente alle nuove situazioni, girando con buoni tempi fin dal venerdì. Tuttavia, dovremo lavorare sodo per essere veloci sia sul giro singolo che sulla distanza di gara e trovare quindi il giusto compromesso sia per il sabato che per la domenica”.

“Un’altra cosa chiara emersa al simulatore è che le velocità sono molto alte e i muri molto vicini, dall’abitacolo è qualcosa di impressionante: sarà una bella sfida e dobbiamo prepararci per bene”.

Come detto, Gasly è alla ricerca di riscatto dopo aver affrontato un GP del Qatar molto deludente. Pierre, promosso in prima fila a seguito delle penalità inflitte a Verstappen e Bottas, ha da subito accusato un rapido degrado e non è riuscito a confermare l’ottimo risultato della qualifica (aveva ottenuto il 4° tempo ndr) finendo per transitare sotto la bandiera a scacchi in undicesima posizione.

“Nel complesso, l’ultimo triple-header è andato molto bene per noi, con ottime performance in qualifica: quinto in Messico e quarto in Brasile e in Qatar. Abbiamo anche fatto delle belle gare, a parte in Qatar dove la vettura non si è ben comportata e abbiamo sofferto un rapido consumo delle gomme. Naturalmente, abbiamo analizzato i dati e cercheremo di evitare che questa cosa possa ripetersi ancora”. 

“È stato bello essere di nuovo in prima fila, non succedeva da quando correvo in Super Formula, in Giappone, nel 2017. Stare lì accanto a Lewis è stato bello e mi auguro ci saranno altri momenti simili in futuro. Anche se questa volta ero lì per penalità altrui, più volte quest’anno ci eravamo andati vicini ed è stata una bella esperienza: ci ho preso gusto!”.

Il risultato del Qatar, con entrambi i piloti della AlphaTauri fuori dalla zona punti, ha consentito alla Alpine di prendere un margine notevole nel Costruttori. Il vantaggio della scuderia transalpina su quella italiana è adesso di 25 punti e Gasly è consapevole che sarà complicato ribaltare la situazione in queste due ultime gare della stagione.

“Purtroppo, la lotta per la quinta posizione in campionato si fa più complicata, perché in Qatar Alpine ha avuto un buon weekend”.

 

condividi
commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo
Articolo precedente

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Articolo successivo

Video F1 | Ceccarelli: "Nei segreti del training psico-fisico"

Video F1 | Ceccarelli: "Nei segreti del training psico-fisico"
Carica i commenti