Massa: "Il nostro progresso è dovuto al lavoro"

Felipe non crede che sia stato il cambiamento di regole a favorire la vittoria di Alonso

Massa:
Felipe Massa non ci sta: tramite il suo blog sul sito ufficiale della Ferrari, il brasiliano ha voluto rispondere a tutti coloro che sostengono che a Silverstone la 150° Italia ha cambiato passo solamente per il divieto ad utilizzare il soffiaggio degli scarichi anche in rilascio. Secondo Felipe, la cui gara è stata comunque rallentata da un detrito che si è incastrato nel fondo, la vettura avrebbe potuto trarre addirittura giovamente dalla mappatura proibita, specialmente per quanto riguarda la gestione degli pneumatici duri. Dunque, ha elogiato gli sforzi fatti a Maranello per recuperare il gap dai primi. "Il nostro passo è stato molto migliore rispetto alle aspettative e ciò è dovuto all’eccellente lavoro che ha fatto la squadra, in pista e in fabbrica. Ora penso che possiamo continuare a progredire in questo modo nella seconda parte della stagione. Torneremo indietro per quanto riguarda la regola sulla gestione dei gas di scarico ma l’idea che il nostro progresso sia dovuto al cambiamento in vigore in Inghilterra è sbagliata: per noi il cambiamento della mappa motore ha significato una perdita di circa quattro decimi in funzione della pista. In teoria, questa perdita di carico aerodinamico dovrebbe rendere più difficile far lavorare le gomme, soprattutto quelle Hard ma, pur in queste condizioni, a Silverstone per la prima volta siamo stati in grado di far funzionare questo tipo di pneumatici molto bene. Basta guardare alla prima parte delle qualifiche di Silverstone quando ho ottenuto il terzo tempo, a circa un decimo dal migliore, usando proprio le Hard. Questo significa che il nostro progresso è stato dovuto a tutte le novità che abbiamo portato in Inghilterra e non alle regole cambiate" ha scritto Massa. La speranza quindi è di ripetersi anche in Germania, un Gp che evoca bei ricordi al brasiliano: "Guardando al prossimo Gran Premio di Germania è un appuntamento che mi piace molto. Da quando sono alla Ferrari sono sempre salito sul podio, anche se in tre occasioni la gara si disputava a Hockenheim. Inoltre, ho altri due podi all’attivo al Nürburgring: nel 2006 arrivati terzo, prima volta nella carriera fra i primi tre, dietro Michael e Fernando mentre nel 2007 finii secondo dopo un accesissimo duello ancora con Fernando, allora alla McLaren. Il Nürburgring è un tracciato molto interessante, con alcune curve abbastanza insolite, salite e discese e delle curve piuttosto lente nel primo settore. Ci vuole un buon carico aerodinamico ma ci sono anche dei rettilinei dove la velocità di punta sarà importante. Per quello che abbiamo potuto vedere a Silverstone, penso che saremo competitivi anche in Germania". Per quanto riguarda il campionato, sembra convito che nel box della Rossa nessuno abbia voglia di mollare: "Il campionato? Finché ci sarà la possibilità aritmetica di lottare si spera sempre. L’ho detto molto spesso ma è un fatto certo: alla Ferrari non molliamo mai, continuiamo a lottare: la cosa migliore da fare è affrontare una gara alla volta. Ora dobbiamo proseguire questo trend sia nel prossimo weekend che in quello immediatamente successivo in Ungheria".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Felipe Massa
Articolo di tipo Ultime notizie