Vettel padrone anche a Valencia, ma Alonso c'è!

Vettel padrone anche a Valencia, ma Alonso c'è!

Sesto successo stagionale per il tedesco. Fernando la spunta su Webber per il secondo posto

Sebastian Vettel continua la sua marcia inarrestabile verso il secondo titolo consecutivo di campione del mondo di Formula 1, centrando a Valencia la sua sesta vittoria stagionale in otto gare. Un successo mai messo in discussione, nonostante la vicinanza di Fernando Alonso e Mark Webber, rimasti non troppo lontani dalla sua Red Bull praticamente per tutto il Gp d'Europa. Il pilota tedesco però ha comandato dall'inizio alla fine, senza vedere arrivare mai una minaccia concreta alla sua leadership, che si fa sempre più importante anche nella classifica iridata. Alle sue spalle manda un nuovo segnale positivo la Ferrari, che con Alonso riesce a piazzarsi al secondo posto, confermando ancora una volta l'attitudine della 150° Italia ai tracciati cittadini. Dopo aver sfilato Lewis Hamilton alla prima curva, lo spagnolo si è reso protagonista di una bella battaglia di nervi con Webber, scambiandosi più volte la posizione con l'australiano della Red Bull. Prima Fernando lo ha superato in pista al 21esimo giro, ma Mark ha reagito riportando la sua RB7 in seconda piazza in occasione della seconda sosta ai box. Alla Ferrari però alla fine hanno azzeccato la scelta di ritardare la terza sosta, quella rimasta obbligatoria per montare le gomme a mescola media, permettendo ad Alonso di riconquistare la piazza d'onore, che poi ha mantenuto fino alla bandiera a scacchi, approfittando anche di un problema al cambio accusato dal rivale della Red Bull nelle tornate conclusive. Si ferma ai piedi del podio invece Hamilton, che ieri aveva detto di poter puntare addirittura alla vittoria. La realtà dei fatti però è che la McLaren oggi non aveva il passo per stare con i primi tre. Anche il pilota britannico però ci ha messo del suo, maltrattando troppo le gomme nelle prime fasi dei suoi stint e rovinandole troppo in fretta. Nel finale Felipe Massa ha provato ad andare a riprendere Hamilton, ma ancora una volta il brasiliano ha dimostrato di non poter reggere il passo del suo capo squadra, pur con la scusante di un problema di fissaggio accusato nella seconda sosta. Stesso discorso che vale anche per Jenson Button, sesto dopo aver perso parecchio tempo dietro a Nico Rosberg nelle prime fasi di gara. Successivamente l'ex campione del mondo ha pagato anche un problema con il KERS, ma dopo la sua grande vittoria di Montreal forse era lecito aspettarsi qualcosa in più da lui. Anche perchè ora la classifica si fa sempre più critica, visto che Vettel si è portato addirittura a +75 nei suoi confronti e sul compagno Webber. La zona punti poi è chiusa da Nico Rosberg, Jaime Alguersuari, Adrian Sutil e Nick Heidfeld. Ottimo soprattutto il risultato dello spagnolo della Toro Rosso, che insieme al suo muretto ha optato per una strategia piuttosto ardita, effettuando solamente due pit stop. Finisce fuori dai punti Michael Schumacher, protagonista di un contatto con Vitaly Petrov subito dopo il primo pit stop, nel quale ha danneggiato l'ala anteriore della sua Mercedes. E fuori dalla top ten finisce anche Kamui Kobayashi, che dunque mette fine ad una striscia positiva di sei risultati utili. Da segnalare, infine, un dato statistico curioso: tutti i 24 piloti che hanno preso il via, hanno tagliato il traguardo. Nella storia della Formula 1 non era mai successo di vedere tante vetture prendere la bandiera a scacchi. FORMULA 1, Valencia, 26/06/2011 Classifica finale 1. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 57 giri 2. Fernando Alonso - Ferrari - +10"8 3. Mark Webber - Red Bull-Renault - +27"2 4. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - +46"1 5. Felipe Massa - Ferrari - +51"7 6. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +1'00"0 7. Nico Rosberg - Mercedes - +1'38"0 8. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 9. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - + 1 giro 10. Nick Heidfeld - Lotus Renault - +1 giro 11. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - +1 giro 12. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - +1 giro 13. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 14. Paul di Resta - Force India-Mercedes - +1 giro 15. Vitaly Petrov - Lotus Renault - +1 giro 16. Kamui Kobayahshi - Sauber-Ferrari - +1 giro 17. Michael Schumahcer - Mercedes - +1 giro 18. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - +1 giro 19. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault - +2 giri 20. Jarno Trulli - Team Lotus-Renault - +2 giri 21. Timo Glock - Virgin-Cosworth - +2 giri 22. Jerome d'Ambrosio - Virgin-Cosworth - +2 giri 23. Vitantonio Liuzzi - HRT-Cosworth - +3 giri 24. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - +3 giri La classifica del campionato piloti: 1. Vettel 186; 2. Webber e Button 109; 4. Hamilton 97; 5. Alonso 87; 6. Massa 42; 7. Rosberg 32; 8. Petrov 31; 9. Heidfeld 30; 10. Schumacher 26; 11. Kobayashi 25; 12. Sutil 10; 13. Alguersuari e Buemi 8; 15. Barrichello 4; 16. Perez e di Resta 2. La classifica del campionato costruttori: 1. Red Bull-Renault 295; 2. McLaren-Mercedes 206; 3. Ferrari 129; 4. Lotus Renault 61; 5. Mercedes 58; 6. Sauber-Ferrari 27; 7. Toro Rosso-Ferrari 16; 8. Force India-Mercedes 12; 9. Williams-Cosworth 4.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag tuning