Barcellona, Day 3: Maldonado si conferma in vetta

Barcellona, Day 3: Maldonado si conferma in vetta

Il tempo ottenuto con le super soft regge fino a fine giornata. Seguono Schumi e Kobayashi

Il tempo ottenuto nella sessione mattutina con le gomme super soft è bastato a Pastor Maldonado per chiudere la terza giornata dei test collettivi di Barcellona davanti a tutti. Con il suo 1'22"391, il portacolori della Williams ha messo a segno il miglior tempo assoluto della tre giorni, abbassando di un paio di decimi la prestazione ottenuta ieri da Nico Hulkenberg con la . E' evidente che il venezuelano stesse facendo un lavoro differente, ma pare altrettanto evidente che questa zampata vuole essere un chiaro segnale agli uomini della Williams su chi deve essere l'uomo su cui puntare nel 2012, visto che ha tenuto ad una distanza di circa 3" il tempo realizzato martedì da Bruno Senna. Alle sue spalle, staccato di circa un secondo, si è piazzato Michael Schumacher. Va detto però che il 7 volte campione tedesco ha ottenuto il suo tempo con gomme soft. Dopo il problema alla trasmissione patito ieri, per gli uomini della Mercedes comunque il dato più importante deve essere rappresentato dai 127 giri messi insieme dal tedesco senza sbavature. Nel pomeriggio poi ha completato anche un long run di ben 59 tornate. Terzo tempo poi per la Sauber di Kamui Kobayashi, oggi rimasto anche a piedi a causa di una prova di consumo carburante. Dietro di lui si conferma in quarta piazza Jenson Button: il vice-campione del mondo è stato l'ultimo pilota capace di scendere sotto al muro dell'1'24", ma anche lui nel pomeriggio si è concentrato sui long run, chiudendo la giornata con 114 giri all'attivo. Chiude la top five la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne: il francese è stato bravo a piazzare la sua STR7 davanti alla "cugina maggiore" della Red Bull. Questa mattina Mark Webber ha accusato anche qualche problemino di natura elettrica e alla fine si è dovuto accontentare del sesto posto, accreditato dello stesso tempo al millesimo di Felipe Massa. Il brasiliano ha proseguito il lavoro di acquisizione dati sulla Ferrari F2012, mettendo insieme 84 passaggi e chiudendo con un non troppo esaltante 1'24"771. A due minuti dal termine poi ha provocato anche l'esposizione della bandiera rossa, rimanendo fermo al fondo della pit lane mentre provava a completare una prova di pescaggio. L'unico miglioramento significativo del pomeriggio è stato quello di Paul di Resta, che però non sembra aver risolto tutti i problemi della sua Force India, visto che il tempo archiviato a fine giornata è decisamente più alto rispetto a quelli messi a segno nei giorni scorsi da Hulkenberg. Chiudono il gruppo la Marussia 2011 di Timo Glock e la Caterham di Vitaly Petrov. Quest'ultimo è stato anche protagonista suo malgrado di una vicenda curiosa: intorno alle 15:30 era balzato in testa alla classifica, ma la sua illusione è durata appena un paio di minuti perchè a regalargli la vetta virtuale era stato un banale errore di cronometraggio. FORMULA 1, Barcellona 23/02/2012 Terza giornata di test collettivi (classifica finale) 1. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 1'22"391 - 106 giri 2. Michael Schumacher - Mercedes - 1'23"384 - 127 3. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'23"582 - 99 4. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'23"918 - 114 5. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - 1'24"433 - 78 6. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'24"771 - 97 7. Felipe Massa - Ferrari - 1'24"771 - 84 8. Paul di Resta - Force India-Mercedes - 1'25"646 - 83 9. Timo Glock - Marussia-Cosworth - 1'26"173 - 108* 10. Vitaly Petrov - Caterham-Renault - 1'26"448 - 70 * Vettura 2011 ** I tempi sono ufficiosi

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Test di marzo a Barcellona
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Articolo di tipo Ultime notizie