Hembery si attende una gara molto tattica

Hembery si attende una gara molto tattica

Il responsabile della Pirelli vede le squadre orientate verso i due pit stop

Il pilota della Red Bull, Sebastian Vettel, ha conquistato la sua quarta pole position consecutiva sul circuito di Suzuka. Il pilota tedesco ha segnato un tempo di 1'30"839 con lo pneumatico P Zero Yellow soft, nominato insieme al P Zero Silver hard per il Gran Premio di Giappone. Le qualifiche si sono corse in condizioni meteo di asciutto e caldo; i primi piloti a scendere in pista hanno montato gomme dure. Tuttavia, poiché i tempi sul giro si stavano allungando, molti piloti hanno deciso di passare alla gomma morbida: di questa mescola i piloti hanno a disposizione, come sempre, tre set sia per le qualifiche sia per la gara. Il pilota della Lotus, Romain Grosjean, è stato il più veloce nella Q1 con le morbide, dopo aver scalzato Kamui Kobayashi, Sauber. Il pilota giapponese in precedenza era, infatti, in cima alla tabella dei tempi con le gomme morbide, per la gioia dei fan locali. Vettel è stato il pilota di punta a passare alle gomme dure. Solo i due piloti Red Bull, McLaren e Michael Schumacher hanno utilizzato unicamente le gomme dure in Q1. Tutti i 17 piloti passati in Q2 hanno montato gomme morbide. Ancora uan volta è stato Vettel ad impostare il tempo più veloce a metà sessione, dopo un solo run, seguito dalla McLaren di Jenson Button (che domani sarà retrocesso di cinque posizioni in griglia per la sostituzione del cambio) e dalla Lotus di Kimi Raikkonen. Negli ultimi 10 minuti solo 6 piloti erano in pista e Vettel ha segnato un tempo di soli quattro decimi di secondo inferiore rispetto a quello che lo scorso anno gli consentì di ottenere la pole, nonostante i cambiamenti delle regole aerodinamiche per il 2012 abbiano teoricamente rallentato le monoposto di circa uno o due secondi al giro. Il suo compagno di squadra Mark Webber, di soli 0"251 più lento, è arrivato secondo, mentre Button terzo (ma partirà ottavo). Il ferrarista Fernando Alonso, Nico Hulkenberg e i due piloti Sauber hanno corso un solo run sulle gomme soft nella sessione finale ma, a causa della bandiera gialla esposta negli ultimi secondi, non sono stati in grado di segnare un tempo apprezzabile. Hulkenberg non ha completato il giro e, domani, potrà scegliere su quale mescola partire. Il più veloce nelle prove libere del sabato mattina è stato Vettel con un tempo di 1'32"136, dopo essere passato dalle gomme hard alle soft negli ultimi 5 minuti. Il pilota tedesco ha battuto Webber per due decimi di secondo, mettendo a segno il suo miglior tempo nel secondo giro con gomme soft. Paul Hembery, direttore Motorsport Pirelli, ha commentato: “Il ritmo delle qualifiche è stato così sostenuto che la maggior parte dei Team ha deciso di montare gomme soft già nella prima sessione. I piloti che hanno risparmiato un set di pneumatici soft sperano di trasformarlo in un vantaggio in gara, dove una strategia a due pit stop sembra essere la più probabile. Congratulazioni a Sebastian Vettel e alla Red Bull: hanno tenuto un ottimo passo nonostante le difficoltà di un tracciato che scarica i più elevati carichi di energia sulle gomme rispetto agli altri circuiti in campionato. Ottimo risultato anche per la Sauber che domani partirà con due monoposto nelle prime 5 posizioni: in particolare, Kamui Kobayashi è terzo in griglia di partenza in quello che per lui è il Gp di casa. Purtroppo nella fasi finali delle qualifiche è stata esposta la bandiera gialla: senza, avremmo sicuramente assistito ad un finale ravvicinato. Tuttavia, abbiamo visto comunque un mix di strategie interessanti, che domani daranno vita a una gara molto veloce e tattica”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie