Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
105 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
147 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
161 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
175 giorni

Formula 1: senza Vettel la Germania diventa orfana di piloti

condividi
commenti
Formula 1: senza Vettel la Germania diventa orfana di piloti
Di:
17 mag 2020, 08:08

L'eventuale uscita di Sebastian dalla F1 determinerebbe che nel 2021 non ci saranno germanici nei GP: il fenomeno è nato con Michael Schumacher e ha prodotto dal 2010 sette piloti e cinque mondiali. Ma ora la fonte si è sterilizzata.

Stagione 2010. Dei ventisette piloti che prendono parte ad almeno una gara del campionato Mondiale di Formula 1, ben sette sono tedeschi: è il gruppo più numeroso del Circus, formato da ragazzi appartenenti a una generazione cresciuta inseguendo le gesta dell’idolo Michael Schumacher.

Proprio in quella stagione il sette volte campione del Mondo torna in pista in prima persona al volante della Mercedes e si ritrova affiancato dai suoi ‘seguaci’, Sebastian Vettel, Nico Hulkenberg, Nico Rosberg, Timo Glock, Adrian Sutil e Nick Heidfeld.

Dieci anni dopo la situazione è molto diversa e le speranze di vedere al via un rappresentante della scuola tedesca nel prossimo Mondiale sono attaccate alle intenzioni (al momento non chiare) di Sebastian Vettel.

Se Seb deciderà di fermarsi per un anno (o definitivamente) gli organizzatori dei Gran Premi della stagione 2021 saranno certi di non dover utilizzare l’inno tedesco. In una decade è cambiato molto in Germania e, curiosamente, non sono stati dieci anni avari sul fronte dei risultati, anzi.

Dal 2010 al 2019 la metà dei titoli Mondiali piloti sono andati ad un tedesco (4 volte Vettel, una Rosberg) e la Mercedes ha fatto incetta di Mondiali con l’impressionante cifra di dodici allori (6 piloti e 6 Costruttori) dal 2014 al 2019.

In questo contesto stupisce non poco come la Germania rischi di vedere azzerato il suo parco piloti in Formula 1, ma non è un caso. Per quanto si tratti di una nazione che vanta molte delle più grandi Case automobilistiche al mondo, nel 2015 e 2017 (ed al momento anche nel 2020) la Germania non ha ospitato il suo Gran Premio di Formula 1, ed anche in questo caso è stata un’assenza che ha stupito non poco, visto che il Circus ha confermato la sua presenza in Belgio, Austria, Francia e Olanda, paesi confinanti con economie non certo superiori a quella tedesca.

Per dodici anni (dal 1995 al 2006) la Germania ha sempre accolto due gare del Mondiale, affiancando alla tappa nazionale tradizionale, il Gran Premio d’Europa disputato sul circuito del Nurburgring.

Gare da ‘sold-out’, un boom di spettatori, spazi mediatici e sponsor, un movimento che ha fatto breccia tra i giovani riversatisi nei kartodromi, dando il via alla generazione arrivata qualche anno dopo a bussare alle porte della Formula 1.

Poi però è accaduto qualcosa. Nel 2007 i Gran Premi sono tornati ad essere solo uno (che si alterna tra Hockenheim e Nurburgring), poi qualche anno dopo è saltato anche quello.

Progressivamente la Formula 1 ha perso spazio sui media ed il numero di giovanissimi nei kartodromi è iniziato a calare, creando l’effetto che vediamo oggi.

Ma cosa è accaduto? Si è ritirato Schumacher. Anche se successivamente il Kaiser è tornato per tre stagioni al via con la Mercedes, lo Schumacher che ha fatto innamorare una nazione si è fermato al termine del 2006.

Nel frattempo sono arrivati i titoli a raffica di Vettel, l’iride di Rosberg, ma non stata è la stessa cosa.

Gli spettatori sulle tribune sono diminuiti sempre di più e alla fine non è stato possibile garantire le cifre che richiede la Formula 1, quindi niente Gran Premio.

Il movimento si è inceppato nel suo insieme, perché di fatto la Germania più che un innamoramento per la Formula 1 ha vissuto un’infatuazione per Michael Schumacher, capace di rompere il tabù diventando il primo tedesco a vincere un Mondiale di Formula 1, e issandosi successivamente davanti a tutti coloro che lo hanno preceduto nella hall of fame di questo sport. Terminato l’amore è calato drasticamente anche l’interesse per lo sport.

In Gran Bretagna la Formula 1 è seguita a prescindere che ci sia o meno Lewis Hamilton, in Italia accade lo stesso grazie all’amore viscerale per la Ferrari, ma in altri paesi spesso è la storia di un pilota a scatenare l’interesse.

Una dimostrazione in tale senso arriva anche dal boom olandese innescato dalle imprese di Max Verstappen, riuscito a riportare l’Olanda nel calendario Mondiale di Formula 1 dopo ben 35 anni.

E possiamo essere certi che sull’onda emotiva scatenata da Max, tanti ragazzini si avvicineranno al Motorsport, incrementando la possibilità che nel gruppo possa esserci il potenziale professionista che vedremo tra qualche anno bussare alle porte della Formula 1.

Guardando alle spalle della generazione ‘Vettel’, si vede poco all’orizzonte. Ci sono solo tre piloti tedeschi che disputeranno nel 2020 le serie minori internazionali, e curiosamente due di questi sono Mick e David Schumacher, figli rispettivamente di Michael e Ralf. Quel cognome che ad inizio anni ’90 ha dato il via ad un movimento straordinario, è ancora lì, indifferente al calo di intensità dei riflettori. Ci sono mode e passioni, le prime passano, le seconde sono per sempre.

Scorrimento
Lista

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team
1/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
2/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Nico Rosberg, Mercedes-Benz F1 W07

Nico Rosberg, Mercedes-Benz F1 W07
3/10

Foto di: Sutton Motorsport Images

Nico Rosberg, Campione del Mondo di Formula 1, investitore Formula E

Nico Rosberg, Campione del Mondo di Formula 1, investitore Formula E
4/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Timo Glock, Toyota TF109

Timo Glock, Toyota TF109
5/10

Foto di: Sutton Motorsport Images

Timo Glock, Toyota TF109

Timo Glock, Toyota TF109
6/10

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Adrian Sutil, Sauber F1 Team e Sergio Perez, Sahara Force India 16

Adrian Sutil, Sauber F1 Team e Sergio Perez, Sahara Force India 16
7/10

Foto di: XPB Images

Adrian Sutil, Sauber F1 Team 07

Adrian Sutil, Sauber F1 Team 07
8/10

Foto di: XPB Images

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.08, in griglia

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.08, in griglia
9/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.09, Jarno Trulli, Toyota TF109, Kimi Raikkonen, Ferrari F60

Nick Heidfeld, BMW Sauber F1.09, Jarno Trulli, Toyota TF109, Kimi Raikkonen, Ferrari F60
10/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Articolo successivo
F1 Tech: Lotus 79, la prima a effetto suolo

Articolo precedente

F1 Tech: Lotus 79, la prima a effetto suolo

Articolo successivo

Brown velenoso: "Sainz? Ci lasceremo da amici, non come altri..."

Brown velenoso: "Sainz? Ci lasceremo da amici, non come altri..."
Carica i commenti