F1, regolamento 2021: la FIA impone un unico fornitore della scatola del cambio

condividi
commenti
F1, regolamento 2021: la FIA impone un unico fornitore della scatola del cambio
Di:
19 feb 2019, 10:35

La FIA lancia un bando per la fornitura unica del cambio delle vetture di Formula 1 a partire dal 2021

Cambiamento non di poco conto, quello che si appresta a vivere la Formula 1. A partire dal 2021, com'è noto, le vetture potrebbero essere stravolte sotto diversi aspetti, a cominciare dalle gomme di misura superiori rispetti ai 13” attuali, passando per power unit rinnovate e verosimilmente meno complesse di quelle attuali, fino anche ad alcuni aspetti aerodinamici.

La bomba tuttavia è arrivata nelle ultime ore: la FIA aprirà un bando per trovare un fornitore unico della scatola del cambio delle monoposto.

I potenziali fornitori avranno temo fino al 15 marzo per presentare le proprie domande, con la Federazione che annuncerà il vincitore tra il 15 ed il 30 aprile.

Leggi anche:

Una scatola del cambio comune rappresenterebbe un cambiamento importane nel modo di lavorare di diversi team. Alfa Romeo ed Haas, ad esempio, utilizzano il cambio della Ferrari, Racing Point quello di Mercedes e Toro Rosso l'unità della Red Bull.

Da una parte abbiamo scuderie che, economicamente parlando, farebbero fatica a crearsi un cambio fatto in casa. Dall'altra, invece, team più ricchi come Ferrari e Mercedes hanno tutto l'interesse a continuare a fornire le proprie unità, dal momento che ciò rappresenta un'importante entrata finanziaria. Senza contare l'impatto che avrebbe con i fornitori delle sospensioni, elementi che trovano ancoraggio proprio sulla scatola del cambio.

Il nome più chiaccherato al momento è quello della Xtrac, ma rimane la possibilità che possa essere un team di F1 a vincere il bando, così come è stato per McLaren, attuale fornitrice delle ECU.

“L'obiettivo di avere un fornitore unico della scatola del cambio è quello di abbattere i costi di progettazione e sviluppo, pur mantenendo i livelli di performance elevati che siamo abituati a conoscere”, si legge nel bando della FIA.

“Le future unità verranno utilizzate per più stagioni, eliminando gli aggravi di costi per ricerca e sviluppo. Per lasciare ai team la libertà di sviluppare le sospensioni posteriori come più desiderano, il disegno della scatola del cambio si rimanderà alle loro volontà”.

La FIA conferma che il disegno dei nuovi cambi sarà simile a quello degli attuali, anche se si passerà dalle moderne unità ad 8 rapporti a quelle future a 7.

Il bando contiene alcuni elementi interessanti, come la potenza delle future MGU-K che saranno potenziate di 30 kW in più di quelle attuali.

Leggi anche:

“Dobbiamo raggiungere un'eccellente affidabilità di fronte ad una vita di circa 5000 km prevista. In secondo luogo, ci sarà un aumento medio della velocità di input di circa il 14% rispetto alle attuali unità. In terzo luogo, ci dovrebbe essere un aumento di potenza per il 2021, non solo per lo sviluppo naturale, ma anche per un aumento di 30kW nell'output MGU-K”, si legge nel documento.

“Con la rimozione della concorrenza, si prevede che alcune delle lavorazioni più complesse che risparmiano gli ultimi grammi possano essere sostituite con lavorazioni più economiche. Si prevede che la scatola del cambio sarà di circa 1,5 kg più pesante di un cambio F1 equivalente odierno”.

Il documento contiene anche altri aspetti interessanti. “Sebbene tutte le squadre siano libere di progettare i propri alberi motore, è previsto che, come parte dei regolamenti tecnici del 2021, verrà prescritta la progettazione dell'interno dell'albero motore. Il fornitore di questa componente verrà comunicato in un secondo momento”.

La FIA ha inoltre aggiunto che i futuri fornitori di queste unità dovranno lavorare ad un campionato di 24 gare, tenendo presente un numero di 4 unità motrici per anno. È ben specificato, in aggiunta, che il vincitore del bando dovrà lavorare con i team allo sviluppo del design di queste componenti.

“Le unità saranno disegnate in coabitazione con i fornitori attuali di power unit, per assicurarne il funzionamento più corretto possibile. Ovviamente, i concorrenti che realizzano una propria scatola del cambio hanno acquisito delle conoscenze importanti che verranno – se possibile – condivise”.

Articolo successivo
Fotogallery F1: il secondo giorno di test invernali 2019 a Barcellona

Articolo precedente

Fotogallery F1: il secondo giorno di test invernali 2019 a Barcellona

Articolo successivo

Ali anteriori a confronto: l'idea Ferrari in contrasto con il concetto Mercedes e Red Bull

Ali anteriori a confronto: l'idea Ferrari in contrasto con il concetto Mercedes e Red Bull
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper
Be first to get
breaking news