Melbourne chiede una riduzione dei costi a Bernie

Melbourne chiede una riduzione dei costi a Bernie

Gli australiano vogliono prolungare il contratto in scandenza nel 2015, ma migliorandone le condizioni

Il contratto del Gp d'Australia con la Formula 1 scadrà al termine della stagione 2015, ma a Melbourne sperano di convincere Bernie Ecclestone a continuare a portare il Circus agli antipodi anche in futuro. Gli organizzatori dell'evento sono anche pronti a prendere in considerazione l'ipotesi di organizzare il Gp in notturna, come già accade a Singapore ed Abu Dhabi, ma in cambio chiedono a Mister E una riduzione delle tasse d'iscrizione, che pesano decisamente sulle casse dello stato: basta pensare che quest'anno il governo della Victoria ha speso oltre 40 milioni di euro per la realizzazione dell'evento. "Mi piacerebbe confermare la gara anche oltre il termine dell'attuale contratto nel 2015, ma il contratto che abbiamo discusso presenta una tassazione esagerata. Non credo che il governo possa dare il via libera ad un contratto che è molto caro per i contribuenti. La gara è troppo costosa e personalmente non sono contenta dell sussidio troppo importante che dobbiamo garantire" ha detto Louise Asher, ministro del turismo. "E' ragionevole aspettarsi che, se non verrà attuata una politica di abbattimento dei costi, il sussidio statale potrebbe anche sparire. Il mio obiettivo quindi è di negoziare un contratto che ci permetta di ridurre le tasse d'iscrizione al campionato" ha aggiunto.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie