La Renault paga i danni d'immagine ai Piquet

La Renault paga i danni d'immagine ai Piquet

Oggi sono arrivate le scuse ufficiali per la vicenda del Singapore Gate

Si è finalmente conclusa la diatriba che da un paio d'anni andava avanti tra la Renault F1 e la famiglia Piquet: la squadra di Enstone si è infatti decisa a pagare i danni e le spese legali a Nelsinho ed al padre Nelson, in sospeso dalla causa che gli avevano intentato in seguito al Singapore Gate. La vicenda è legata alla stagione 2008, quando appunto a Singapore Piquet andò deliberatamente a muro per favorire il successo di Fernando Alonso con l'ingresso della safety car, dopo un ordine preciso che gli era stato impartito da Flavio Briatore e Pat Symonds. La cosa però divenne di dominio pubblico quasi un anno più tardi, quando il brasiliano fu appiedato per fare posto a Romain Grosjean. La Renault quindi diede dei bugiardi a lui ed al tre volte campione del mondo, dicendo che si trattava solo una ripicca. Quando è stata fatta chiarezza sulla vicenda ed i tasselli sono andati tutti al loro posto, confermando la versione di Nelsinho, Briatore e Symonds sono stati licenziati, ma i due Piquet hanno continuato a chiedere delle scuse pubbliche ed i relativi danni d'immagine. Oggi davanti all'Alta Corte di Londra sono arrivate finalmente queste famigerate scuse, anche se ormai la squadra ha di fatto cambato proprietà, visto che il 75% delle quote è nelle mani della Genii Capital. Inoltre la Renault F1 si è impegnata a risarcire Nelsinho sia per il danno di immagine, che per quello fatto alla sua carriera in Formula 1.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Nelson Piquet Jr.
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag dall'estero, inquinamento