La Red Bull prova a coinvolgere anche la Ferrari

La Red Bull prova a coinvolgere anche la Ferrari

Marko lascia intendere che certe regolazioni si fanno anche sulla Rossa. E Maranello smentisce...

Siamo al paradosso. Adesso è la Red Bull Racing che si permette di passare all’attacco! Helmut Marko ha risposto alle accuse dichiarando che il team di Milton Keynes non ha mai modificato l’altezza delle monoposto in parco chiuso e si è anche chiesto i motivi dei sospetti dal momento che la Ferrari avrebbe utilizzato un sistema manuale identico per oltre un anno. CHE FACCIA TOSTA! Ci vuole davvero una faccia tosta a rigirare le carte in tavola: fino a prova contraria ci sono delle immagini della Rai che evidenziano lo strano comportamento dei meccanici Red Bull Racing già nelle libere del Gp di Monaco. Sia ben chiaro non è mai stato scritto da nessuna parte che non si potessero fare delle regolazioni a mano. È espressamente vietato modificare l’assetto della monoposto quando si trova in regime di parco chiuso. IN PARCO CHIUSO CON GLI UTENSILI La norma di usare degli utensili per effettuare le riparazioni o le sostituzioni dei pezzi autorizzati dai commissari tecnici della FIA è nata proprio per evitare che i “furbi” cercassero di cambiare l’altezza della monoposto agendo sul terzo ammortizzatore con una regolazione semplice e repentina. SEMPLICITA’ DI PROGETTO Va detto e ripetuto che ci sono progettisti che concepiscono le monoposto non solo in funzione della competitività della vettura stessa, ma anche tenendo conto della rapidità con cui sono possibili le modifiche ai box nel limitato tempo delle prove libere. Ci sono macchine che hanno regolazioni di assetto semplicissime e altre che sono complicate. Adottare una soluzione semplice e pratica non è un indizio di fraudolenza, ma di progetto sano e razionale. BISOGNA ISOLARE I FURBI Se la FIA è intervenuta per cambiare la norma è perché “qualcuno” ha provato a fare il furbo, ma non significa che tutti quelli che avevano sviluppato un certo tipo di regolazione fossero scorretti. Così nel tritacarne adesso è finita anche la Ferrari: Autosport, che non aveva preso posizione contro la Red Bull Racing quando è scoppiato il caso relativo al Gp del Canada, ha però riportato subito le reazioni di Christian Horner, prima, e di Helmut Marko che ora tira in ballo la Rossa. LA NOTIZIA MAI DATA, MA SMENTITA Hanno smentito una notizia che loro non avevano dato! La Formula 1 è sempre più somigliante alla nostra politica: ormai tutti i parlamentari sono considerati “ladri”, sebbene ci siano anche in parlamento dei galantuomini. Non ci aggreghiamo alla teoria del così fan tutti. Se ci sono delle prove che si tirino fuori, altrimenti si volti pagina…

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie