La HRT non molla: "Pronti alla protesta a Monaco"

A far discutere sono ancora gli scarichi soffianti in rilascio, illegali ma consentiti fino a giugno

La HRT non molla:
A Barcellona la HRT ha solo minacciato di avviare una protesta contro coloro che continuano a disporre dei diffusori che utilizzano gli scarichi soffianti anche in rilascio, ma se la situazione non cambierà a Montecarlo potrebbe passare dalle parole ai fatti. A pochi giorni dal Gp di Spagna, infatti, la FIA aveva di fatto annunciato l'irregolarità di questo tipo di soluzione tecnica, salvo poi fare dietrofront un paio di giorni dopo, anche se solo in maniera parziale: pur ribadendo la contrarietà ai principi del regolamento del dispositivo, Charlie Whiting ha spiegato che se ne sarebbe riparlato solamente a metà giugno. Questa cosa ha fatto imbestialire, e non poco, Colin Kolles. In casa HRT si stavano infatti completando i lavori per adattare questa tecnologia alla F111, ma la prima comunicazione della Federazione Internazionale aveva indotto il direttore tecnico Geoff Willis ad abbandonare i lavori in attesa di chiarimenti in materia. Quando poi dopo due giorni c'è stata la rettifica da parte della FIA, ormai era troppo tardi per permettere agli uomini di Josè Carabante di completare i lavori. Dunque, la squadra spagnola si è ritrovata a dover affrontare il weekend spagnolo e quello di Monaco, che ormai è alle porte, senza poter usufruire dei suoi scarichi soffianti. Dunque, quella del team principal sembra essere diventata ormai una questione di principio: "L'unico motivo per cui abbiamo deciso di non avviare alcun tipo di azione è perchè qui non saremmo stati direttamente coinvolti in ogni decisione sportiva. Ma è chiaro che le altre vetture sono illegali" ha detto Kolles alla BBC. "Siamo assolutamente d'accordo con vista Charlie Whiting e, per inciso, non siamo gli unici che sono d'accordo. Se non verrà trovato un rimedio per questo problema entro Montecarlo, allora credo che non avremo altra scelta che avviare una protesta ufficiale" ha aggiunto. "Il punto è che l'illegalità di questa soluzione è stata comunicata chiaramente: non si può influenzare l'aerodinamica con il caldo dei gas di scarico. Come non si può farlo spingendo un pedale, come nel caso dell'acceleratore. Questo è illegale e porte un enorme vantaggio alle altre squadre" ha concluso.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie