Pirelli: in Brasile i primi feedback sulle gomme 2013

Pirelli: in Brasile i primi feedback sulle gomme 2013

I team ne avranno a disposizione due treni al venerdì: "Speriamo non piova" ha detto Hembery

Per la prima volta nella sua storia, Pirelli affronterà l’ultimo round della stagione di Formula 1 in qualità di fornitore unico di pneumatici con il campionato ancora da decidere. Come lo scorso anno, l’ultima gara della stagione si disputerà sul leggendario circuito di Interlagos a San Paolo e, per l’occasione, Pirelli ha scelto gli pneumatici P Zero Silver hard e P Zero White medium. Interlagos è uno dei circuiti più corti ma anche uno dei più impegnativi dal punto di vista tecnico, con un giro di 4,309 chilometri caratterizzato da curve veloci, tornanti e dislivelli notevoli. Le differenti variazioni altimetriche rendono fondamentale avere un grip e un carico aerodinamico ottimale. La curva 14 – la più lenta del tracciato – rappresenta al meglio alcune delle sfide tecniche che Interlagos pone agli pneumatici: il pilota frena bruscamente in salita, prima di entrare in curva, dovendo fare ben attenzione a controllare lo slittamento delle gomme in uscita di curva. Ad aumentare le difficoltà di questo circuito già molto complesso vi è il meteo, ad Interlagos notoriamente variabile, il che significa che il Cinturato Green intermediate e il Cinturato Blue wet potrebbero scendere in pista. Per le sessioni di prove libere del venerdì, le squadre avranno a disposizione due set extra di pneumatici prototipo del prossimo anno: le mescole e la costruzione degli pneumatici slick 2013 saranno modificati; questa sarà, dunque, un’ occasione preziosa per i piloti per familiarizzare con le coperture della nuova stagione. Probabilmente, però, con la lotta per il titolo così serrata, molti piloti preferiranno concentrarsi unicamente sul Brasile. Il direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, ha commentato: "In Brasile, durante le prove libere, porteremo alcuni pneumatici prototipo del 2013 in modo da dare alle squadre un assaggio del prossimo anno. Poichè i primi test ufficiali si terranno solo a febbraio, questa sarà un’occasione estremamente importante per loro, considerando anche il fatto che stanno finalizzando le monoposto per il 2013. Speriamo quindi che venerdì non piova! Sia le mescole sia le strutture verranno modificate, il che significa che le caratteristiche dei nuovi pneumatici saranno alterate, avranno un range di lavoro più ampio e alcune mescole saranno leggermente più aggressive. Dobbiamo ancora mettere a punto esattamente le relazioni reciproche tra le diverse mescole, è per questo che in Brasile parliamo di pneumatici “prototipo” piuttosto che dare una denominazione specifica; ma ciò che vedremo in pista sarà molto rappresentativo della nostra filosofia di disegno generale per il prossimo anno. Non vediamo l’ora di avere un primo feedback dalle squadre e, naturalmente, di congedare al meglio i nostri pneumatici 2012, in quello che è uno dei Gp più impegnativi ed emozionanti in calendario". Bruno Senna (Williams F1 Team): "Interlagos è una pista difficile per le gomme perché vi sono abbastanza zone di trazione, alcune di esse in uscita da curve lente, che riversano carichi laterali sulle coperture. Al contempo, in alcune di queste curve si azionano contemporaneamente DRS e KERS, e ciò stressa enormemente le gomme posteriori. Al contrario, le gomme anteriori sono poco sollecitate su questo tracciato. La difficoltà deriva anche dal fatto che la pista è sconnessa, quindi gli pneumatici scivolano di più. Questi elementi rendono Interlagos una pista particolarmente impegnativa per le gomme, sulla quale difficilmente si potrà fare un solo pit-stop. Sono davvero felice di correre di nuovo sul circuito di casa. Questa è la mia terza gara in Brasile, anche se è la prima al volante di una F1. E’ una delle mie piste preferite. E’ così tecnica ma allo stesso tempo c’è un’ atmosfera pazzesca, grazie ai molti fan che mi spingono a dare il massimo". Lucas di Grassi, collaudatore Pirelli: "Interlagos è la pista sulla quale ho iniziato la mia carriera in go-kart e resta uno dei miei circuiti preferiti, dove c’è un po’ di tutto, molte variazioni altimetriche e un ritmo piacevole. Credo che sia la pista di F1 con la maggiore altitudine, circa 700 metri dal livello del mare e questo avrà una grande influenza sia sul carico aerodinamico sia sulla potenza del motore. Da un punto di vista delle gomme, la combinazione hard-medium è azzeccata. Anche se l’asfalto è molto ruvido, l’usura degli pneumatici è abbastanza contenuta: le curve non sono così veloci e non stressano così tanto le gomme, come avviene, ad esempio, a Suzuka. Inoltre, abbiamo scelto pneumatici abbastanza conservativi. La mescola media sarà la più veloce e per questo sarà probabilmente la scelta preferita per le qualifiche. Ho il sospetto che sarà una gara con due pit-stop. L’unico elemento di imprevedibilità è legato alla pioggia che renderebbe la gara ancora più interessante con il campionato ancora aperto".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie