Marko punta il dito verso le squadre più piccole

Marko punta il dito verso le squadre più piccole

"I loro piloti devono fare più attenzione durante la gara" ha detto

Dopo essere rimasto in silenzio per quasi 10 giorni, Helmut Marko, braccio destro di Dietrich Mateschitz all'interno della Red Bull, è tornato a parlare di quanto accaduto a Sepang. In Malesia, infatti, Sebastian Vettel si è toccato con Narain Karthikeyan nelle fasi conclusive del Gp, rimanendo vittima di una foratura e precipitando dal quarto all'undicesimo posto. Per questo, durante un'intervista rilasciata alla trasmissione televisiva Sport und Talk aus dem Hangar-7, lo scopritore del due volte campione del mondo è andato a puntare il dito contro le squadre più piccole, invitando i loro piloti a fare più attenzione nelle fasi di doppiaggio. "Abbiamo chiesto al nostro team manager di parlare con i rappresentanti della Marussia e della HRT per chiedergli di dire ai loro piloti di prestare maggiore attenzione: è quasi come se corressero in un'altra categoria, sono più lenti di 6-8 secondi al giro, quindi è facile creare incomprensioni. Quello che è successo in Malesia è costato 12 punti a Vettel, che potrebbero essere cruciali per il Mondiale" ha spiegato Marko. Restando in tema, successivamente ha anche difeso il suo pilota, che è stato molto criticato per aver dato dell'idiota a Karthikeyan a caldo: "Stai facendo la tua gara e vedi sfumare un possibile terzo posto (Sebastian non era lontano da Lewis Hamilton, ndr): è naturale che tu sia turbato, perchè sei umano. Penso che la sua reazione a caldo quindi sia abbastanza comprensibile".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie