India: il problema con le tasse è ancora irrisolto

India: il problema con le tasse è ancora irrisolto

Whitmarsh ha spiegato che si sta cercando un accordo, ma per ora le autorità non cedono

Nonostante qualche settimana fa gli organizzatori della Jaypee Sports International si fossero offerti di pagare tutto il necessario, il problema di dazi doganali e di tasse relativi al Gp dell'India sembra tutt'altro che risolto. All'inizio del mese, infatti, si era vociferato parecchio riguardo alla possibilità che la dogana indiana potesse far pagare a caro prezzo alle squadre l'ingresso dei materiali diretti al Buddh International Circuit, ma anche tassare i piloti ed i membri delle squadre. Per questo gli organizzatori dell'evento si erano mossi per fare in modo che il circuito potesse diventare una grande area duty free. Tuttavia, questa proposta non è stata accettata dalla Guardia di Finanza locale e dai responsabili della dogana, quindi rimane il forte dubbio che alla fine i team ed i propri membri possano rischiare di incappare nel pagamento di tasse piuttosto salate. Martin Whitmarsh, team principal della McLaren, ma anche presidente della FOTA, si è detto certo del fatto che nessuno boiccoterà la corsa, rimanendo comunque particolarmente preoccupato per questo problema. "Al momento ci sono delle preoccupazioni sia per i piloti che per le squadre, perchè lì c'è un regime fiscale molto duro. Al momento non saprei dirvi a che punto siamo, ma le discussioni sull'argomento stanno andando avanti con lo scopo di trovare una soluzione. Alla fine sono sicuro che tutti correremo in India, ma prima bisogna risolvere questo problema" ha spiegato Whitmarsh.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie