Ferrari e Red Bull hanno deciso di lasciare la FOTA!

condividi
commenti
Ferrari e Red Bull hanno deciso di lasciare la FOTA!
Di: Matteo Nugnes
02 dic 2011, 14:29

In settimana hanno mandato una lettera di dimissioni all'associazione

La Ferrari e la Red Bull si apprestano a lasciare la FOTA, ovvero l'associazione dei costruttori di Formula 1. Il mancato raggiungimento di un accordo riguardo al Resource Restriction Agreement ha portato quindi alle conclusioni che avevano previsto Stefano Domenicali e Christian Horner. Entrambi, infatti, si erano interrogati su quale sarebbe potuto essere li futuro dell'associazione se non fosse stato raggiunto un accordo a riguardo, essendo concordi sul fatto che non avrebbe avuto un senso tenerla in vita se non vi fosse stata unione di intenti tra i membri. E' così è stato perchè all'inizio di questa settimana la FOTA ha ricevuto una lettera da Maranello ed una da Milton Keynes, che parlavano dell'intenzione delle due squadre di abbandonare l'associazione, che quindi sembra destinata ad andare verso un definitivo collasso. "La FOTA conferma di aver ricevuto una lettera di dimissione da due team" ha detto un portavoce ad Autosport. "Nel frattempo la FOTA continuerà a valutare i prossimi passi da effettuare nell'interesse di tutte le squadre che ne fanno parte e per raggiungere tutti gli obiettivi dell'organizzazione". A questo bisogna aggiungere che al termine dello scorso anno c'era già stata la prima defezione, con la HRT che si era ritirata lamentandosi del fatto che venivano perseguiti solo gli interessi di alcuni team, solitamente i più importanti. E questa scelta ha portato alle casse della squadra spagnola un risparmio di circa 100.000 euro: a quanto pare Colin Kolles ci aveva visto lungo...
Prossimo articolo Formula 1
La Ferrari conferma la sua uscita dalla FOTA

Previous article

La Ferrari conferma la sua uscita dalla FOTA

Next article

La Williams conferma Maldonado per il 2012

La Williams conferma Maldonado per il 2012

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie