Gracia difende la sua relazione sul Bahrein

Gracia difende la sua relazione sul Bahrein

Il presidente della Federazione spagnola ribadisce di non aver visto nulla di strano

Negli ultimi giorni è stato uno dei personaggi più attaccati da più parti ed oggi quindi ha provato a difendere la sua posizione. Stiamo parlando di Carlos Gracia, l'uomo che era stato mandato in Bahrein dalla FIA per valutare il ritorno alla normalità del paese, che ha anche compilato la relazione che ha portato al reinserimento nel calendario del Mondiale di Formula 1 della gara di Sakhir. Il numero 1 della Federazione spagnola ha concesso qualche breve dichiarazione ad AS: "Io posso parlare solo di quello che ho visto e che mi è sembrata tranquillità assoluta. Ho avuto incontri ufficiali ed effettuato interviste, ma sono stato anche portato in giro per le strade e per i centri commerciali e mi sembrava tutto normale. Ho visto persone che facevano shopping ed altre che lavoravano. Non c'è stato niente di negativo che ha catturato la mia attenzione". Gracia poi ha concluso dicendo: "Quello che ho trovato è stato un governo aperto che offre all'opposizione la possibilità di parlare". Questa frase però ha già scatenato le reazioni rabbiose delle associazioni per la tutela dei diritti umani, che hanno segnalato nuovamente il numero dei morti e quelli degli arresti. La sensazione è che il presidente spagnolo comunque si sia difeso solo per evitare di diventare il capro espiatorio di una situazione che si sta facendo sempre più grottesca...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie