Bridgestone sceglie le dure e le soft per Monza

Hamashima spiega che sul tracciato brianzolo sono fondamentali le pressioni

Bridgestone sceglie le dure e le soft per Monza
In occasione del Gran Premio d’Italia, ultimo appuntamento europeo del Campionato del Mondo di Formula 1 in programma domenica 12 settembre sul veloce tracciato di Monza, Bridgestone ha selezionato pneumatici con mescola dura e soft. Il tracciato di Monza presenta lunghi rettilinei da percorrere a velocità sostenuta e i pneumatici Bridgestone Potenza sono particolarmente sollecitati. Il circuito lombardo richiede un assetto delle monoposto a ridotta deportanza e fondamentale sarà l’aderenza meccanica. Hirohide Hamashima:La configurazione del tracciato di Monza richiede un assetto delle monoposto a ridotta deportanza e questo naturalmente influisce sulla performance dei pneumatici. Per questo motivo fondamentale sarà l’aderenza meccanica. I ridotti livelli di deportanza sono rilevanti anche per la stabilità in frenata. Alla fine del rettilineo principale c’è una frenata particolarmente impegnativa e i piloti dovranno prestare la massima attenzione a non bloccare i freni. I team dovranno stare attenti alla distribuzione del peso in fase di frenata. Monza è famosa per i lunghi rettilinei che influiscono sulla performance dei pneumatici, che sono particolarmente sollecitati. Questo comporta un riscaldamento notevole della gomma del pneumatico, anche in presenza dell’effetto di raffreddamento del vento sui lunghi rettilinei. La pressione dei pneumatici deve essere perfetta: se è troppo bassa si genera troppo calore nei pneumatici, se è troppo elevata il grip in curva non è ottimale”.
condividi
commenti
I piloti si dicono favorevoli agli ordini di scuderia
Articolo precedente

I piloti si dicono favorevoli agli ordini di scuderia

Articolo successivo

Vettel e Origone campioni di velocità!

Vettel e Origone campioni di velocità!
Carica i commenti