Miracolo di Maldonado davanti alla Ferrari rinata!

Miracolo di Maldonado davanti alla Ferrari rinata!

La Williams torna al successo dopo otto anni. Alonso è in testa al mondiale con Vettel

Quinto vincitore in cinque Gran Premi. La Formula 1 continua a proporre gare clamorose: questa volta tocca a Pastor Maldonado centrare la gara della vita, regalando alla Williams un successo cristallino che la riporta al vertice del Circus: era dal Gp del Brasile 2004 con Montoya che una pilota di Grove non saliva sul gradino più alto del podio. Il venezuelano è stato perfetto: è partito dalla pole e ha commesso una gara senza la minima sbavatura, rivelando una freddezza sorprendente quando la Ferrari di Alonso si era fatta minacciosa nel corso del 56esimo giro. Poi la F2012 ha cominciato a perdere terreno per un calo di prestazione delle gomme posteriori, al punto che lo spagnolo si è dovuto difendere nel finale dall'attacco finale di Kimi Raikkonen con la Lotus. Maldonado ha ceduto ad Alonso solo in partenza, ma il sudamericano spesso inutilmente aggressivo, non ha commesso nemmeno una sbavatura, coprendo con la sua costanza di prestazione anche un errore del box Williams nel pit stop. Frank Williams può festeggiare alla grande il 70esimo compleanno cancellando anni di "vacche magre". Bisogna riconoscere il giusto merito anche al contestatissimo Mike Coughlan di aver saputo imprimere alla struttura tecnica una svolta. Fernando Alonso ci ha provato a regalare una grande soddisfazione al pubblico spagnolo che è andato al Montmelò tutto per lui: l'asturiano è stato fantastico, ma gli è mancata la Ferrari proprio nella fase cruciale della corsa. Il muretto dei box sapeva che nello stint finale la Rossa avrebbe sofferto e si spiega così come mai la F2012 non abbia copiato la strategia della Williams, ritardando il pit stop ad ogni sosta. La F2012, comunque, ha fatto un grosso salto in avanti rispetto al Bahrein, segno che le modifiche portate in Catalunja hanno funzionato a meraviglia: le vetture più blasonate sono dietro, anche perché nessuno si aspettava una Williams così in palla. Fernando ha perso molto tempo nel doppiaggio a Charles Pic (che è stato punito con un drive trough), ma la Ferrari in realtà soffre ancora in trazione, mentre il resto sembra molto cresciuto. Alonso è in testa al mondiale piloti insieme a Sebastian Vettel: il tedesco si è dovuto accontentare di un sesto posto con la Red Bull Racing. I due hanno 61 punti e vantano 8 lunghezze di vantaggio su Lewis Hamilton, ottavo al traguardo dopo una partenza dall'ultima fila per la penalizzazione dopo la qualifica. Kimi Raikkonen con la Lotus si conferma sul podio, ma la faccia scura del finlandese è eloquente sulla strategia della squadra di Enstone, che ha ritardato troppo le soste nella fase cruciale della gara. Kimi è arrivato a ridosso della Ferrari di Alonso, ma il suo passo poteva essere nettamente il più veloce. La scelta strategica sbagliata all'inizio ha relegato le due Lotus al terzo posto con il finlandese e al quarto con Romain Grosjean: le E20 sono le vetture più stabili nel comportamento di questo avvio di stagione e il team riesce ad essere terzo nella classifica Costruttori davanti alla Ferrari (che ha sempre e solo un pilota in zona punti!). La Sauber centra il quinto posto con Kamui Kobayashi (Sergio Perez ha pagato un contatto con Grosjean nelle prime curve) confermando la consistenza della C31: il giapponese ha preceduto il campione del mondo Vettel, sesto per un bel finale di gara, ma alle prese con una RB8 molto deludente. La Red Bull Racing classificata ad oltre un minuto è indicativa della difficoltà tecnica del team di Milton Keynes, che in gara ha cambiato il musetto ad entrambi i piloti durante i pit stop. Sebastian si è preso anche un drive through per aver aperto l'ala mobile sul rettilineo principale mentre era esposta la bandiera gialla (stessa penalità è stata inflitta a Felipe Massa): Vettel, quindi, lascia la Spagna dopo una buona tattica in difesa. Nico Rosberg salva l'onore della deludente Mercedes in crisi di gomme negli ultimi giri, ma il bilancio del tedesco è positivo rispetto a quello disastroso di Michael Schumacher, nuovamente ritirato dopo il tamponamento a Bruno Senna sul rettilineo principale. Ottima la corsa di Lewis Hamilton, risalito fino all'ottavo posto: l'inglese avrebbe certamente lottato per la vittoria se non fosse stato penalizzato in qualifica per un imperdonabile errore della squadra. La McLaren ha rivelato ancora delle incertezze nei pit stop: Lewis ha colpito una gomma che non è stata tolta in tempo, segno che c'è tensione all'interno della squadra. Hamilton ha fatto meglio di Jenson Button, che esce con le ossa rotte da Barcellona, visto che Jenson è finito alle spalle del compagno di squadra. Positivo il decimo posto di Nico Hulkenberg con la Force India. FORMULA 1, Barcellona, 13/05/2012 Classifica finale Gp di Spagna 1. Pastor Maldonado - Williams-Renault - 66 giri 2. Fernando Alonso - Ferrari - +3"1 3. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - +3"8 4. Romain Grosjean - Lotus-Renault - +14"7 5. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - +1'04"6 6. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - +1'07"5 7. Nico Rosberg - Mercedes - +1'17"9 8. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - +1'18"1 9. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +1'25"2 10. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - +1 giro 11. Mark Webber - Red Bull-Renault - +1 giro 12. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 13. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - +1 giro 14. Paul di Resta - Force India-Mercedes - +1 giro 15. Felipe Massa - Ferrari - +1 giro 16. Heikki Kovalainen - Caterham-Renault - +1 giro 17. Vitaly Petrov - Caterham-Renault - +1 giro 18. Timo Glock - Marussia-Cosworth - +2 giri 19. Pedro de la Rosa - HRT-Cosworth - +3 giri Giro più veloce: il 53esimo di Grosjean in 1'26"250 La classifica del campionato piloti: 1. Vettel e Alonso 61; 3. Hamilton 53; 4. Raikkonen 49; 5. Webber 48; 6. Button 45; 7. Rosberg 41; 8. Grosjean 35; 9. Maldonado 29; 10. Perez 22; 11. Kobayashi 19; 12. Di Resta 15; 13. Senna 14; 14. Vergne 4; 15. Hulkenberg 3; 15. Schumacher, Massa e Ricciardo 2. La classifica del campionato costruttori: 1. Red Bull-Renault 109; 2. McLaren-Mercedes 98; 3. Lotus-Renault 84; 4. Ferrari 63; 5. Williams-Renault e Mercedes 43; 7. Sauber-Ferrari 41; 8. Force India-Mercedes 18; 9. Toro Rosso-Ferrari 6.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen , Fernando Alonso
Articolo di tipo Ultime notizie