Alonso vince in Germania e prende il largo!

Alonso vince in Germania e prende il largo!

Lo spagnolo domina dalla pole: Vettel, secondo, usa la maniere forti per superare nel finale Button

La Ferrari prova a prendere il largo. Fernando Alonso vince la terza gara stagionale aggiudicandosi il Gp di Germania. L'asturiano porta a 34 i punti di vantaggio su Mark Webber nel mondiale piloti, incidendo un segno importante nella stagione che gli vale la 30esima affermazione in carriera dopo aver conquistato la seconda pole a seguito di quella di Silverstone. Il campione del Cavallino è stato in testa alla gara dall'inzio della corsa dopo un'ottima partenza, ma nel finale ha dovuto contenere il ritorno di Jenson Button, che oggi disponeva forse della migliore monoposto in pista, la McLaren Mp4-27 profondamente rivista per questa gara. Alonso non ha commesso il minimo errore, mostrando una grande freddezza nei momenti più delicati, quando sembrava che la minaccia dell'inglese potesse diventare concreta. E. invece, nel momento risolutivo lo spagnolo ha allungato su Button con una serie di giri veloci che qualificano il lavoro svolto dai tecnici del Cavallino nello sviluppo della F2012. L'inglese, quando sperava di aver in mano una piazza d'onore meritatissima, ha subito l'attacco di Sebastian Vettel che lo ha superato all'esterno, usando la pista ben oltre i margini del tracciato: il tedesco ha cercato un sorpasso disperato con la contestatissima Red Bull RB8. Sebastian ha avuto un guizzo che gli ha permesso di guadagnare una posizione, ma dovrà andare dai commissari sportivi a giustificarsi e non è escluso che scatti una penalizzazione per il campione del mondo. Il tedesco non riesce a vincere davanti al pubblico di casa e ha mostrato un nervosismo che è forse il frutto della pressione che si è creata in squadra (questa mattina le due Red Bull Racing erano a rischio di squalifica). Se Webber non si è mai visto nelle posizioni che contano, Seb ha cercato di restare in lizza con tutte le sue forze, ma questa volta la RB8 non è bastata per mettere in crisi la Ferrari, oggi competitiva su tutti i fondi. Jenson Button, comunque, con il terzo posto si scrolla di dosso un lungo periodo di crisi personale (era dal Gp della Cina che non saliva sul podio) e si rilancia nel team di Woking che sembra aver ritrovato il bandolo della matassa per lo sviluppo della monoposto. Forse avrebbe potuto lottare più strenuamente con Alonso se non avesse spiattellato la gomma anteriore destra in frenata. Fuori dalla battaglia del podio Kimi Raikkonen con la Lotus: il finlandese è stato autore di spettacolari sorpassi (bella la battaglia con Michael Schumacher). La squadra di Enstone non riesce a tenere il passo dei top team e, forse, ha irrimediabilmente perso la speranza di vincere un Gp quest'anno. Eccellente la prestazione delle due Sauber con Kamui Kobayashi, quinto, davanti al compagno di squadra Sergio Perez risalito dal 17esimo posto con una fantastica progressione. Le monoposto elvetiche motorizzate Ferrari si sono rivelate velocissime e consistenti: fa bene la VW a tenere d'occhio una struttura che in futuro potrebbe interessare il marchio tedesco. Senza infamia e senza lode la prestazione di Michael Schumacher: il tedesco è stato costretto a tre pit stop da una Mercedes che si mangia ancora le gomme. Il sette volte campione del mondo alla fine è settimo e si porta a casa anche il giro più veloce sfruttando le coperture fresche quando era ormai a serbatoio vuoto. Deludente Mark Webber: l'australiano ha finito da dove era partito, ottavo. Troppo poco per un pilota che ha l'ambizione di puntare al titolo mondiale. L'ultimo punticino se l'è preso Nico Rosberg con la seconda Mercedes che è stato preceduto da un altro tedesco, Nico Hulkenberg con la Force India. Nella classifica manca Lewis Hamilton costretto al ritiro per la rottura del differenziale, ma l'inglese ha dato spettacolo dopo che ha preso un giro di ritardo per la foratura della gomma posteriore sinistra sui detriti di carbonio del muso di Felipe Massa. E' tornato in pista in mezzo ai primi ed è stato capace di sdoppiarsi da Vettel ed è arrivato vicino ad Alonso prima del pit stop. L'azione di Lewis, pulita e regolare, ha innervosito Vettel, ma ha regalato un'emozione in più. Inesistente Felipe Massa, coinvolto subito in un contatto con una Toro Rosso: il ferrarista è stato evanescente. Alla squadra del Cavallino servirebbe un pilota utile a portare a casa dei punti preziosi nella classifica dei costruttori. C'è poco tempo per gioire o recriminare: la prossima settimana si tornerà in pista all'Hungaroring... FORMULA 1, Hockenheim, 22/07/2012 Classifica finale Gp di Germania 1. Fernando Alonso - Ferrari - 67 giri 2. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - +3"7 3. Jenson Button - McLaren-Mercedes - +6"9 4. Kimi Raikkonen - Lotus-Renault - +16"4 5. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - +21"9 6. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - +27"8 7. Michael Schumacher - Mercedes - +28"9 8. Mark Webber - Red Bull-Renault - +46"9 9. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - +48"1 10. Nico Rosberg - Mercedes - +48"8 11. Paul di Resta - Force India-Mercedes - +59"2 12. Felipe Massa - Ferrari - +1'11"4 13. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - +1'16"8 14. Jean-Eric Vergne - Toro Rosso-Ferrari - +1'16"9 15. Pastor Maldonado - Williams-Renault - +1 giro 16. Vitaly Petrov - Caterham-Renault - +1 giro 17. Bruno Senna - Williams-Renault - +1 giro 18. Romain Grosjean - Lotus-Renault - +1 giro 19. Heikki Kovalainen - Caterham-Renault - +2 giri 20. Charlse Pic - Marussia-Cosworth - +2 giri 21. Pedro de la Rosa - HRT-Cosworth - +3 giri 22. Timo Glock - Marussia-Cosworth - +3 giri 23. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - +3 giri La classifica del campionato piloti: 1. Alonso 154; 2. Webber 120; 3. Vettel 118; 4. Raikkonen 95; 5. Hamilton 92; 6. Rosberg 76; 7. Button 65; 8. Grosjean 61; 9. Perez 47; 10. Kobayashi 31; 11. Maldonado e Schumacher 29; 13. di Resta 27; 14. Massa 23; 15. Hulkenberg 19; 16. Senna 18; 17. Vergne 2; 18. Ricciardo 2. La classifica del campionato costruttori: 1. Red Bull-Renault 238; 2. Ferrari 177; 3. McLaren-Mercedes 157; 4. Lotus-Renault 156; 5. Mercedes 105; 6. Sauber-Ferrari 78; 7. Williams-Renault 47; 8. Force India-Mercedes 46; 9. Toro Rosso-Ferrari 6.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Jenson Button , Fernando Alonso , Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie