Forghieri: "A Binotto team principal Ferrari serve un gran carattere"

condividi
commenti
Forghieri: "A Binotto team principal Ferrari serve un gran carattere"
Di:
7 gen 2019, 12:34

L'ingegnere modenese, che ha scritto quasi 30 anni di storia Ferrari, a Motorsport.con ha spiegato: "So cosa vuol dire concentrare più ruoli nella Gestione Sportiva: io contavo sul pieno appoggio di Enzo Ferrari. Mattia mi sembra una persona seria, ma dovrà avere molta grinta".

L’ultimo tecnico a essere diventato team principal della Ferrari prima di Mattia Binotto è stato l’ingegner Claudio Lombardi nel 1991, ma prima del tecnico piemontese c’era stato un personaggio più rappresentativo che per un certo periodo aveva avocato a sé sia la direzione sportiva che quella tecnica del Cavallino rampante: stiamo parlando di Mauro Forghieri.

Il vulcanico modenese, entrato nella Gestione Sportiva nel 1959 in coppia con Giam Paolo Dallara, è stato per quasi 30 anni uno degli artefici dei successi delle Rosse. Motorsport.com ha sentito “Furia” per raccogliere un parere sulla sfida che attende Mattia Binotto al vertice della Scuderia:

“Non sarà facile per Mattia – spiega Forghieri – e so cosa dico. Considero Binotto una persona seria che conosce molto bene la realtà della Ferrari. Dovrà dimostrare di avere grinta e carattere per gestire uno staff fatto da mille persone. Ai miei tempi era certamente più semplice perché la struttura era molto più ristretta”.

“Binotto si troverà ad affrontare aspetti che non ha mai toccato, e dovrà avere un grande carattere per trattare con tutte quelle parti che non lo hanno visto in precedenza come un capo. Io posso dire di aver avuto in Enzo Ferrari un supporto enorme. Sapevo che se andavo allo scontro con qualcuno avrei potuto fare affidamento sul grande Vecchio che mi ha sempre appoggiato. Specie nel rapporto con i piloti, che non è mai stato facile, ho potuto contare su una “spalla” sicura come quella del Commendatore”.

“Essere un tecnico che si occupa della gestione del team è più complicato di quanto si pensi, ma se Mattia ha la grinta giusta saprà condurre la squadra dove vuole. L’importante è che sia sempre consapevole di dove si trova la Scuderia: è chiamato ad affrontare una bella sfida…”.  

Ross Brawn aveva lasciato la Ferrari quando aveva capito che la sua ambizione di diventare team principal del Cavallino non sarebbe diventata realtà, ma poi l’ingegnere di Manchester che oggi è il direttore generale della F1, è riuscito a vincere un mondiale nel 2009 con la BrawnGP e Jenson Button, mettendo le basi a quello che poi è diventato il team Mercedes che sta dominando l’era ibrida della F1.

Articolo successivo
Rivoluzione Ferrari: scopriamo Mattia Binotto, il tecnico che diventa team principal

Articolo precedente

Rivoluzione Ferrari: scopriamo Mattia Binotto, il tecnico che diventa team principal

Articolo successivo

Abiteboul: "La Renault non vuole provare con Ricciardo ciò che la McLaren ha passato con Alonso"

Abiteboul: "La Renault non vuole provare con Ricciardo ciò che la McLaren ha passato con Alonso"
Carica i commenti