Vettel: "Non potevo battere Ricciardo, ma domani è un'altra cosa"

condividi
commenti
Vettel:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
26 mag 2018, 15:13

Il tedesco della Ferrari ha ottenuto il secondo tempo nelle Qualifiche di Monte-Carlo e domani scatterà dalla prima fila. "Daniel ha meritato la pole, ma la Red Bull fa funzionare meglio le gomme nell'ultimo settore".

Il poleman Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, festeggia con Sebastian Vettel, Ferrari, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari, il poleman Daniel Ricciardo, Red Bull Racing e Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H

Sebastian Vettel è stato l'unico pilota in grado di impensierire il binomio Ricciardo-Red Bull sul tracciato di Monte-Carlo, anche se l'australiano è comunque riuscito a centrare la pole position firmando inoltre il nuovo record della pista abbattendo per la prima volta nella storia il muro dell'1'11".

Il pilota della Ferrari è stato molto bravo a migliorarsi nell'ultimo dei due tentativi che ha fatto nella Q3 dopo aver fatto un giro non all'altezza delle sue possibilità in quello d'apertura. Alla fine delle Qualifiche Seb ha ammesso che, con tutta probabilità, sarebbe stato difficile battere Ricciardo nella giornata odierna.

"Credo che Ricciardo e la Red Bull siano stati per tutto il fine settimana un po' più veloci di noi e sapevamo che lo sarebbero stati. E' una pista in cui non è tanto importante l'efficienza delle power unit quanto avere tanto carico aerodinamico, e loro lo hanno".

"Questa non è una scusa. Alla fine eravamo veloci ma non a sufficienza per essere davanti a loro. Non sono del tutto contento però, perché potevamo fare qualcosa di più. Probabilmente però non sarebbe stato sufficiente per battere Daniel. Però giù il cappello perché Daniel ha fatto una grande Qualifica e ha meritato la pole. Noi abbiamo provato a cercare di cogliere la prima fila e credo che quello che abbiamo ottenuto è un'ottima posizione. Noi ci siamo avvicinati il più possibile".

Vettel, però, non è completamente soddisfatto della sua prestazione. Probabilmente non sarebbe riuscito a battere Ricciardo, ma a migliorare il suo riferimento cronometrico sì. Inoltre la Red Bull sembra riuscire a far funzionare meglio le gomme sino alla fine del giro, mentre la SF71H ha pagato un po' nell'ultimo settore.

"Oggi non sono proprio riuscito a fare la prima curva come volevo, ma per il resto, soprattutto l'ultimo giro, sono andato bene. E' stata una sessione complessa, soprattutto per far funzionare bene le gomme. Abbiamo visto invece che le Red Bull andavano molto forte nell'ultimo settore, loro hanno un'aderenza che a noi manca".

"Qui è sempre fondamentale essere davanti, la prima fila è buona. La pole sarebbe stato ancora meglio. Dopo la partenza dovremo cercare di essere pronti e tenere la mente aperta per far fronte a tutte le cose che potrebbero verificarsi in gara. E' una partita differente da giocare. Vedremo".

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Monaco
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Location Montecarlo
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Intervista