Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
112 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
155 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
169 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
183 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: sulla SF90 non c'è solo l'ala nuova, ma anche brake duct e fondo

condividi
commenti
Ferrari: sulla SF90 non c'è solo l'ala nuova, ma anche brake duct e fondo
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
21 giu 2019, 08:46

I tecnici del Cavallino hanno portato al Paul Ricard un pacchetto di novità grazie alle quali la Rossa dovrebbe avere più carico aerodinamico e, grazie alla maggiore spinta verticale, potrebbe innescare più in fretta il warm up delle gomme anteriori anche su una pist ostica alla SF90.

La Ferrari non si è limitata a ridisegnare l’ala anteriore che è tutta nuova a dispetto di quelli che cercano di limitare l’importanza di questa modifica che segna, invece, l’apertura di una nuova fase di sviluppo della SF90 dopo che i tecnici hanno ritrovato la piena correlazione fra la galleria del vento e la pista passando anche per il simulatore.

Ferrari SF90: sopra la vecchia ala anteriore e, sotto, quella nuova

Ferrari SF90: sopra la vecchia ala anteriore e, sotto, quella nuova

Photo by: Giorgio Piola

L’obiettivo dei tecnici è di incrementare il carico aerodinamico specialmente sul treno anteriore della Rossa in modo tale da aumentare l’energia che viene impressa sulle gomme anteriori in modo da mandarle in temperatura nella giusta finestra di utilizzo. Si è scoperto, quindi, che non sarebbe tanto sbagliato il progetto della SF90, quanto la “correzione” degli strumenti di simulazione alle regole 2019.

Ovviamente adesso si aspetta il conforto della pista per portare avanti l’evoluzione della monoposto, altrimenti tutte le risorse saranno orientate alla macchina 2020. È chiaro che il GP di Francia diventa un passaggio molto importante nella stagione, ma a Maranello nutrono una certa fiducia nell’aver trovato la giusta direzione.

Ferrari SF90 dettaglio della nuova brake duct con i deviatori di flusso sotto alla presa dei freni con i soffiaggi

Ferrari SF90 dettaglio della nuova brake duct con i deviatori di flusso sotto alla presa dei freni con i soffiaggi

Photo by: Giorgio Piola

Ferrari SF90 dettaglio della vecchia brake duct con cinque deviatori di flusso sotto alla presa dei freni

Ferrari SF90 dettaglio della vecchia brake duct con cinque deviatori di flusso sotto alla presa dei freni

Photo by: Giorgio Piola

Sulla SF90 del Paul Ricard non c’è solo l’ala anteriore fra le novità: è stata ridisegnata la brake duct anteriore sotto alla vistosa presa d’aria dei freni (e non solo). 

Leggi anche:

Fino al Canada c’erano ben cinque deviatori di flusso che orientavano l’aria verso il basso per generare una spinta verticale, mentre adesso gli elementi sono soltanto tre, ma dotati ciascuno di due soffiaggi per cui la downforce prodotta sarà maggiore. Anche questa modifica contribuisce al warm up degli pneumatici anteriori e a generare dei vortici utili a ripulire la scia dietro alle ruote anteriori.

Ferrari SF90, dettaglio del fondo con due deviatori di flusso anziché tre e del cestello del freno posteriore

Ferrari SF90, dettaglio del fondo con due deviatori di flusso anziché tre e del cestello del freno posteriore

Photo by: Giorgio Piola

Anche sul fondo della Rossa ci sono solo due deviatori di flusso sui ”binari” anziché i tre che si erano visti in precedenza: queste correzioni sono dovute alle modifiche dell’ala anteriore che influenza aerodinamicamente tutta la monoposto. Nella brack duct posteriore, invece, è stato inserito il vistoso convogliatore di flusso che serve a richiamare l'aria nella delicata zona del "tyre squirt".

Articolo successivo
LIVE Formula 1, GP di Francia: Prove Libere 1

Articolo precedente

LIVE Formula 1, GP di Francia: Prove Libere 1

Articolo successivo

Renault: Ricciardo fa debuttare il motore Spec B in anticipo al Paul Ricard

Renault: Ricciardo fa debuttare il motore Spec B in anticipo al Paul Ricard
Carica i commenti