Ferrari: rosso più scuro, un tocco di grigio e niente bianco?

condividi
commenti
Ferrari: rosso più scuro, un tocco di grigio e niente bianco?
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
18 feb 2018, 12:33

Come la Ducati Desmosedici GP18, anche la monoposto del Cavallino dovrebbe avere una livrea con un po' di colore grigio a contrasto con il rosso di tonalità più scuro. A Maranello come a Borgo Panigale seguono le indicazioni Philip Morris.

Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari
Chris Amon, Ferrari 312
Ferrari SF70H
Ferrari SF70H allo stand Ferrari Feature
Detail Ducati MotoGP, Ducati Team
Ciabatti, Jorge Lorenzo, Ducati Team

Anche a Maranello hanno pensato di introdurre un tocco di grigio sulla Ferrari 2018? Proprio come la Ducati Desmosedici GP18, togliendo il bianco caratteristico degli ultimi anni?

A Maranello hanno sempre glissato sull'argomento, ma ora a rompere il silenzio è stato Giorgio Terruzzi sulle colonne del Corriere della Sera che ha descritto il ritorno della 669 al colore Rosso scuro della 312 del 1969 con l’aggiunta di un po’ di grigio in ossequio allo sponsor Philip Morris.

La livrea della Ducati GP18, presentata il 15 gennaio all’Auditorium della Casa di Borgo Panigale, era stata il primo, chiaro, segnale. I responsabili della squadra bolognese si erano ostinati a dire che si trattava solo di una nuova grafica che rende la moto molto più aggressiva, ma secondo le informazioni che Motorsport.com aveva raccolto, Ducati avrebbe lasciato uno spazio sulla carena delle moto di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo in attesa di chiudere un accordo con il nuovo marchio della Philip Morris, IQOS.

Stiamo parlando della sigaretta elettronica “smokeless” che avrebbe ridotto i rischi e la tossicità del 90-95% se confrontata con una sigaretta tradizionale, dal momento che non produce fumo, cenere, né odore fastidioso, perché il tabacco non viene bruciato, ma scaldato.

La Philip Morris starebbe valutando l’idea di supportare IQOS e avrebbe chiesto alle autorità competenti se possono avere una deroga alla norma che vieta qualsiasi campagna pubblicitaria. È lecito pensare, quindi, che anche la Ferrari possa aver studiato una livrea con un po’ di grigio sulla 669, vale a dire la monoposto che sarà lanciata via web giovedì 22 febbraio.

In questo caso sarebbe proprio il main sponsor del Cavallino, la Philip Morris, a rilevare lo spazio che sulla SF70H era del Banco Santander, dopo che l’istituto finanziario spagnolo ha deciso di abbandonare la F.1 per dedicare le sue risorse alla Champions League di calcio.

L’impegno della banca iberica nell’ultimo anno era valso qualcosa come 48 milioni di euro al Cavallino, una cifra che verrebbe coperta dalla multinazionale del tabacco con un maggiore investimento sulla Scuderia Ferrari. Dobbiamo aspettare solo qualche giorno per scoprire se ci sarà quel tocco di grigio nel rosso più scuro...

Prossimo articolo Formula 1
Enzo Ferrari: perché un mito dell'800 sarebbe moderno anche oggi

Previous article

Enzo Ferrari: perché un mito dell'800 sarebbe moderno anche oggi

Next article

Fotogallery: tutte le monoposto di F.1 della Red Bull dal 2005

Fotogallery: tutte le monoposto di F.1 della Red Bull dal 2005
Load comments