Ferrari resta in pole: sul cambio è meglio dormirci una notte

Le prime analisi sulla vettura di Leclerc non hanno evidenziato danni gravi, ma ulteriori controlli verranno fatti domani mattina. Come dire: la Ferrari resta in pole, ma c'è il fondato sospetto che la trasmissione debba essere sotituita in mattinata. Ecco come cambiano gli scenari con una decisione o l'altra.

Ferrari resta in pole: sul cambio è meglio dormirci una notte

“Le prime analisi effettuate sul cambio della vettura di Charles Leclerc non hanno evidenziato danni gravi. Ulteriori verifiche saranno effettuate domani mattina, quando sarà presa una decisione definitiva in merito all’utilizzo di questa unità in gara”. Questo il verdetto della Ferrari diramato nella serata di Monte Carlo, poche righe che lasciano aperti due scenari molto diversi, sia per la Scuderia che per Leclerc.

Solitamente i verdetti sullo stato dei cambi dopo le temutissime ‘botte’ laterali sono veloci e inappellabili, ma in questo caso la posta in palio è mostruosamente alta, e ci sta che nel box della Ferrari abbiano deciso di valutare tutte le possibilità nella serata monegasca.

Se non ci sarà la temuta sostituzione della trasmissione (che retrocederebbe Leclerc dalla prima alla sesta posizione della griglia di partenza) Charles e la Ferrari si schiereranno domani con la prospettiva di poter vincere il Gran Premio di Monaco, viceversa si prospetta una gara con altri obiettivi. Quel cambio rischia di… cambiare molto nella stagione di Leclerc e della Ferrari, e non deve sorprendere che si sia deciso di prendere tempo.

In Formula 1 i risultati sono medicine straordinarie, e quando Leclerc dopo il botto alle Piscine ha percorso i pochi gradini che separavano la zona dell’incidente tornado nei box, nessuno tra gli uomini in rosso si è messo le mani nei capelli.

Okay, c’era da mettere a posto la macchina, ma anche da festeggiare una pole position, anzi, la pole position più preziosa dell’anno. L’incidente, in sé, è passato in secondo piano. Ma qualora arrivasse un verdetto di condanna per la trasmissione della monoposto, per Leclerc svanirà l’anestetico garantito dalla pole position e affiorerà il rimpianto dell’incidente.

Quello commesso da Leclerc nell’ultimo giro di qualifica è stato un errore, è bene ribadirlo perché complice la bandiera rossa, che ha di fatto consegnato la pole position al monegasco, è sembrato il tentativo di un saltatore che dopo aver avuto la certezza della medaglia d’oro fa piazzare l’asta un centimetro oltre il record mondiale.

Ma in questo caso la medaglia non era ancora in cassaforte, e per questo motivo Charles non dormirà con la certezza che domani al via vedrà la Saint Devote ben chiara davanti, senza nessuno tra i piedi.

Con Leclerc in pole la Ferrari può partire con la speranza concreta di poter lasciare un segno importante in questa stagione, che andrebbe oltre ogni aspettativa.

Viceversa sarà una domenica in cui Max Verstappen potrà sperare in un allungo imprevisto e micidiale nei confronti di un Lewis Hamilton in crisi tecnica e per nulla contento del suo sabato monegasco.

Carlos Sainz (arrabbiatissimo al termine delle qualifiche) passerebbe dalla quarta alla terza posizione sulla griglia di partenza, con tutto ciò che serve per sognare un podio più laterale che in posizione centrale. Insomma, questa pole è tremendamente importante.

Cambia molto questo… cambio, al punto da dormirci su. Forse per lasciare gli avversari sul filo, forse perché con il parco chiuso i lavori vengono rimandati alla domenica mattina, o forse per regalarsi un sabato da poleman, perché fino a prova contraria in pole position c’è Charles Leclerc.

Tutto rimandato a domani, giornata nella quale il verdetto che arriverà in mattinata non sarà meno atteso di quello che sancirà qualche ora dopo la bandiera a scacchi.

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
1/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
2/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
3/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
4/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
5/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
6/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Incidente di Charles Leclerc, Ferrari SF21
Incidente di Charles Leclerc, Ferrari SF21
7/9

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, passa mentre Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, passa mentre Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
8/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
Charles Leclerc, Ferrari SF21, va contro il muro al termine delle qualifiche
9/9

Foto di: Jean Petin / Motorsport Images

condividi
commenti
Fotogallery F1: le emozionanti Qualifiche del GP di Monaco
Articolo precedente

Fotogallery F1: le emozionanti Qualifiche del GP di Monaco

Articolo successivo

Podcast: Jarno Trulli, il racconto dell'ultima vittoria italiana a Monaco

Podcast: Jarno Trulli, il racconto dell'ultima vittoria italiana a Monaco
Carica i commenti