Ferrari: preoccupa di più l'affidabilità della SF90 o l'errore di Vettel?

condividi
commenti
Ferrari: preoccupa di più l'affidabilità della SF90 o l'errore di Vettel?
Di:
31 mar 2019, 21:50

La Rossa ha dimostrato in Bahrain di essere una monoposto competitiva ma ancora fragile nella meccanica. La Scuderia però ha avuto la conferma che Leclerc è pronto per puntare a risultati ambiziosi, mentre Sebastian è parso ancora una volta vulnerabile.

La Ferrari ha concluso il fine settimana di Al Sakhir con due notizie molto gradite ed altrettante di cui avrebbe fatto volentieri a meno. Le prima buona nuova arrivata dal Bahrain è che la SF90 è la monoposto vista ai test di Barcellona, ovvero una vettura temuta da tutti, Mercedes inclusa, che nulla a che vedere con quella vista due settimane fa a Melbourne.

Il secondo gradito verdetto confermato dal weekend bahrenita è che Charles Leclerc è un pilota pronto a lottare per traguardi assoluti, esattamente quelli a cui ambisce la Ferrari.

C’è però un bicchiere mezzo vuoto, che alla fine ha condizionato in modo pesante la trasferta in Medioriente del Cavallino. Se, come detto, la SF90 va forte, è anche vero che sin dai test pre-campionato non ha ancora confermato quei livelli di affidabilità tecnica che sono indispensabili per puntare al Mondiale.

Leggi anche:

In un sistema di punteggio come quello in vigore (senza scarti e con ben 21 Gran Premi in calendario) una battuta a vuoto è un problema micidiale, ed anche se Leclerc è riuscito a transitare sotto la bandiera a scacchi di Al Sakhir in terza posizione, il problema alla power unit è costato alla Ferrari la prima vittoria stagionale e ben venti punti nella classifica costruttori.

Il secondo allarme riguarda Sebastian Vettel. Le speranze della Ferrari, dei sostenitori del tedesco (e dello stesso Seb) erano molto chiare alla vigilia di questa stagione. Speranze di non vedere più il Vettel vulnerabile dell’ultima parte della stagione 2018, con i testacoda a Monza, Suzuka e Austin.

Invece si è materializzato nuovamente al trentottesimo giro della gara di Al Sakhir, mentre era ai ferri corti con Lewis Hamilton.

Non sarà semplice per Mattia Binotto riuscire a valutare se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto. Rispetto a Melbourne c’è stato un grande passo avanti, ma sono arrivati anche nuovi allarmi, e nel frattempo la Mercedes viaggia a punteggio pieno.

Il punto è questo: la Ferrari ha tutto quello che serve per puntare in alto, ma mentre a Maranello lavorano ancora per affinare le armi, Hamilton e Bottas allungano in classifica. Nulla, per ora, di irrecuperabile, visto che siamo a due ventunesimi del cammino stagionale, ma in Cina servirà un segnale forte.

Il confronto sarà probabilmente serrato, e questo porta al secondo problema del Cavallino. Nessuno ha dubbi sulla capacità di Vettel di saper gestire al meglio un weekend alla… Vettel, ovvero pole, gara in testa e via verso la bandiera a scacchi. 

Proprio in Bahrain dodici mesi fa mise in scena un copione da professionista navigato, gestendo la rimonta finale di Bottas con grande freddezza. Ma una parte importante della Formula 1 sono anche i confronti corpo-a-corpo, e soprattutto se il Mondiale vivrà su un grande equilibrio tecnico (quello che si augurano gli appassionati) i duelli sono da mettere in conto.

E qui Vettel continua a mostrare dei limiti importanti, soprattutto se l’avversario si chiama Hamilton o Verstappen.

Potrebbe essere un dettaglio, come un problema non da poco, a dirlo sarà la dinamica con cui si svilupperanno le prossime gare.
“Non penso che questa situazione abbia nulla a che fare con la pressione – ha commentato Vettel - quando stavo combattendo con Lewis il mio obiettivo era di puntare alla testa della corsa, e sono stato sorpreso quando ho perso improvvisamente il posteriore. Sicuramente è stato un mio errore che ho bisogno di digerire, ed ovviamente la mia gara avrebbe potuto essere diversa senza quel testacoda”.   

Leggi anche:

Una vittoria gettata al vento, forse, una chance per provare a vincere, sicuramente.

In Ferrari, però, sono tutti con Seb, e la conferma è arrivata da Binotto, che dopo la risposta di Vettel ha voluto aggiungere un suo commento:
“Come ha già detto Seb è stato un errore, e non penso che dobbiamo discutere ogni errore. Siamo sempre in battaglia, questo è quello che stiamo facendo e che vogliamo sempre fare, e non è mai facile. Noi vogliamo incoraggiare i nostri piloti, perché è solo spingendo al limite che si ottengono grandi risultati, ed è ciò che Seb stava cercando di fare oggi”. 

 
Scorrimento
Lista

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, 1° classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, sul podio

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, 1° classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, sul podio
1/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato
2/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, alza il trofeo

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, alza il trofeo
3/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, arriva sul podio

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, arriva sul podio
4/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, nel parco chiuso

Charles Leclerc, Ferrari, 3° classificato, nel parco chiuso
5/28

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore
6/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore
7/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore
8/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, rientra per un pit stop, per sostituire l'ala anteriore
9/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, lascia il box dopo il pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, lascia il box dopo il pit stop
10/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, effettua un pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, effettua un pit stop
11/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, affianca Charles Leclerc, Ferrari SF90
13/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, lotta con Charles Leclerc, Ferrari SF90
14/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, arriva al Parco Chiuso

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, arriva al Parco Chiuso
15/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con la squadra

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con la squadra
16/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il trofeo sul podio

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il trofeo sul podio
17/28

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
18/28

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il suo team

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il suo team
19/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il suo team

Charles Leclerc, Ferrari, terzo, con il suo team
20/28

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
21/28

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
22/28

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
23/28

Foto di: Steven Tee / LAT Images

Louis C. Camilleri, CEO, Ferrari, con Charles Leclerc, Ferrari

Louis C. Camilleri, CEO, Ferrari, con Charles Leclerc, Ferrari
24/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari, con Jock Clear, Ingegnere di pista, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari, con Jock Clear, Ingegnere di pista, Ferrari
25/28

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari speaks parla con i media in griglia di partenza

Charles Leclerc, Ferrari speaks parla con i media in griglia di partenza
26/28

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
27/28

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
28/28

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Articolo successivo
Vettel: "L'ala si è staccata per le vibrazioni causate dalle gomme dopo il testacoda"

Articolo precedente

Vettel: "L'ala si è staccata per le vibrazioni causate dalle gomme dopo il testacoda"

Articolo successivo

La rivelazione di Binotto: "Non si è rotta l'MGU-H, ma avevamo un problema a un cilindro"

La rivelazione di Binotto: "Non si è rotta l'MGU-H, ma avevamo un problema a un cilindro"
Carica i commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie