Ferrari: la nuova Rossa di Vettel e Leclerc si vedrà il 15 febbraio

condividi
commenti
Ferrari: la nuova Rossa di Vettel e Leclerc si vedrà il 15 febbraio
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
13 dic 2018, 22:21

Maurizio Arrivabene, team principal della squadra del Cavallino, sul palco dei Caschi d'Oro di Autosprint a Milano ha ufficializzato la data nella quale si scopriranno i veli dalla monoposto che lotterà per il mondiale 2019 con Vettel e Leclerc.

Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari, parla con i media
Ferrari nel garage sotto il telo

Per ora si conosce la sigla di progetto 670. Il nome ufficiale lo scopriremo solo martedì 15 febbraio 2019 quando cadranno i veli dalla nuova Ferrari.

Maurizio Arrivabene, team principal della squadra del Cavallino, intervenuto alla premiazione dei Caschi d'Oro di Autosprint per ritirare il premio destinato alla Scuderia, ha ufficializzato sul palco di Garage Italia a Milano che la Rossa del prossimo anno si vedrà giusto in tempo per essere spedita a Barcellona dove tre giorni dopo si terranno i primi test invernali.

Il manager bresciano, in assenza del tradizionale pranzo di Natale che la Ferrari ha sempre riservato ai giornalisti di F1, ha approfittato del prestigioso evento della Conti Editore che è stato abbinato alla consegna dei Volanti dell'ACI per ufficializzare la prima notizia della prossima stagione.

“È da mesi che il gruppo guidato da Mattia Binotto lavora sulla monoposto del prossimo anno. I motori stanno già girando sui banchi prova e ci sono delle parti della macchina che sono già in produzione. Invece le parti più legate alla prestazione invece arriveranno all’ultimo momento, anche se la tensione cresce perché il tempo è sempre meno. Il 15 febbraio presenteremo la vettura e per quel giorno dovrà essere tutto pronto”.

Arrivabene, accompagnato da Charles Leclerc, ha aggiunto...
“Naturalmente è presto per dare un quadro complessivo della macchina. Si stanno facendo delle simulazioni e lavoriamo al simulatore, ma il vero banco di prova è solo la pista. È lì che ti confronti con te stesso, paragonando i dati che hai raccolto durante il periodo invernale, e soprattutto dove ti confronti con gli altri. I tecnici si stanno impegnando moltissimo per completare la vettura entro il 15 febbraio. Abbiamo delle indicazioni che ci arrivano dai ragazzi che lavorano al simulatore, ma è ancora presto per parlare di prestazioni”.

Articolo successivo
Carica i commenti