F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: il disco anteriore con una nuova costruzione

La Scuderia utilizzerà nelle gare di fine stagione i dischi anteriori che hanno fatto il loro debutto sulla SF21 nel GP del Messico. La squadra del Cavallino ha modo di sviluppare la nuova soluzione Brembo che è caratterizzata da una diversa disposizione delle fibre di carbonio, grazie alla quale si riducono l'usura, ma non le prestazioni.

Ferrari: il disco anteriore con una nuova costruzione

La Ferrari in Brasile cerca la conferma del terzo posto nel mondiale Costruttori, ma è indubbio l’impegno della Scuderia nello sperimentare delle soluzioni che potranno essere trasferite alla monoposto del 2022 che sta crescendo nella factory di Maranello.

L’esempio più eclatante è sicuramente quello del nuovo sistema ibrido che il team ha deciso di anticipare sulla PU4 per fare esperienza in pista, in modo da non andare incontro a sorprese l’anno prossimo, quando i componenti della power unit dovranno essere congelati fino al 2025.

Il nuovo ERS si sta rivelando prestazionale quanto affidabile, per cui è l’espressione di un salto di qualità che la Ferrari dovrà trasferire al motore “Superfast” e al telaio sfruttando il drastico cambio di regolamento.

Sul 6 cilindri 065/6 sono state introdotte anche degli accessori, come le pompe dell’olio e della benzina, che prefigurano quelle 2022 e che consentono un risparmio di peso e una diminuzione degli ingombri.

Ferrari SF21: ecco il nuovo disco freno che ha debuttato in Messico

Ferrari SF21: ecco il nuovo disco freno che ha debuttato in Messico

Photo by: Giorgio Piola

In Messico abbiamo assistito al debutto di un nuovo disco freno anteriore che ha soddisfatto i piloti, tant’è che la soluzione verrà mantenuta anche nelle rimanenti gare della stagione. Come abbiamo anticipato la scorsa settimana, si tratta di un disco prodotto dalla Brembo che ha importanti caratteristiche che vedremo sulle monoposto a effetto suolo che adotteranno le gomme Pirelli da 18 pollici.

Anche se i dischi 2022 avranno un diametro maggiore, passando dagli attuali 280 mm ai 330 mm del 2022, la Ferrari ha deciso di provare sulla SF21 i nuovi materiali e la costruzione diversa.

Leggi anche:

La soluzione apparsa in Messico era facilmente riconoscibile per l’inconsueto disegno dei fori di raffreddamento. Rispetto alla versione da quasi 1.500 fori utilizzata nelle gare che più sollecitano l’impianto frenante, l’attuale realizzazione rinuncia a un centinaio di fori (l’anno prossimo dovranno essere di almeno 3 mm) perché è stata cambiata la disposizione delle fibre di carbonio nella sovrapposizione degli strati con angoli diversi, utili ad assicurare un prodotto che si usurerà di meno e provocherà meno vibrazioni in staccata.

È evidente il tentativo di andare incontro alle esigenze del budget cap che impone una maggiore efficienza nell’utilizzo di ogni particolare che fa parte della monoposto, senza perdere niente in prestazioni.

condividi
commenti
Alpine: è atteso l'annuncio di Szafnauer, Brivio torna in MotoGP?
Articolo precedente

Alpine: è atteso l'annuncio di Szafnauer, Brivio torna in MotoGP?

Articolo successivo

Giovinazzi: "L'errore In Messico? Ha perso punti anche il team"

Giovinazzi: "L'errore In Messico? Ha perso punti anche il team"
Carica i commenti