Ferrari gira tre giorni a Jerez con le Pirelli da 18

La squadra del Cavallino aprirà i 30 giorni di test che la FIA ha concesso alla Casa milanese per sviluppare le gomme ribassate che saranno usate l'anno prossimo sulle monoposto a effetto suolo. Sulla "mule car" si proveranno le gomme da 18 slick lunedì e nei due giorni successivi quelle da bagnato. Al volante della SF90 si alterneranno Leclerc e Sainz, mezza giornata per uno.

Ferrari gira tre giorni a Jerez con le Pirelli da 18

Il lungo programma di sviluppo degli pneumatici 18 pollici pianificato dalla Pirelli durante il 2021 (30 giornate complessive) scatterà lunedì prossimo sul circuito di Jerez.

A scendere in pista sarà la Ferrari, che utilizzerà la SF90 allestita secondo le specifiche richieste per il montaggio degli pneumatici con nuove dimensioni che saranno introdotti in Formula 1 a partire dal 2022.

Il programma normalmente prevede l’utilizzo di gomme sia slick che wet, ma il circuito di Jerez non è dotato di un sistema che prevede la possibilità di bagnare l’asfalto, per cui sarà necessario usare le autobotti con regolarità per mantenere costante il livello dell'acqua.

Tre sono i giorni di lavoro programmati: lunedì con le slick, martedì e mercoledì con le rain.

Lo scorso anno, sempre a Jerez, la Ferrari convocò Charles Leclerc, mentre in Spagna si alterneranno per mezza giornata ciascuno i due piloti, il monegasco e Carlos Sainz.

Il calendario definitivo dei test Pirelli sarà comunicato nei prossimi giorni, e includerà diverse sessioni programmate post-Gran Premio sulle piste dove farà tappa il Mondiale. Dopo il via della stagione le squadre saranno autorizzate a schierare per questi test le monoposto 2021 (opportunamente modificate nelle sospensioni) al posto delle ‘mule-car’ utilizzabili fino alla vigilia del GP del Bahrain.

Non è ancora chiaro quante squadre sfrutteranno questa possibilità, a parte la McLaren che non ha alternative a causa del passaggio al motore Mercedes che rende inutilizzabile le sue monoposto 2019/20 equipaggiate con la power unit Renault.

condividi
commenti
Tsunoda: "Voglio essere il primo giapponese a vincere in F1"
Articolo precedente

Tsunoda: "Voglio essere il primo giapponese a vincere in F1"

Articolo successivo

AlphaTauri AT02: pronta per la sfida a centro gruppo

AlphaTauri AT02: pronta per la sfida a centro gruppo
Carica i commenti