Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
112 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
155 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
168 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
182 giorni

Ferrari: Binotto considera completamente chiuse le questioni sulla legalità della power unit

condividi
commenti
Ferrari: Binotto considera completamente chiuse le questioni sulla legalità della power unit
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
31 ago 2018, 13:13

La Ferrari considera completamente chiuse le questioni legate alla legalità della sua power unit a seguito dei controlli a cui è stata sottoposta la sua vettura da parte della FIA dall'inizio di questa stagione.

Durate il weekend del GP di Monaco, lo scorso maggio, la FIA ha dichiarato di aver portato a termine un'indagine sul sistema ibrido della Ferrari ed ha ribadito la sua soddisfazione il mese scorso, nonostante il continuo malcontento dei rivali del Cavallino.

La crescita è stata tale che la Mercedes non crede di avere più il motore di riferimento della Formula 1, mentre Lewis Hamilton la scorsa settimana in Belgio ha detto che la sua squadra dovrebbe provare ad eguagliare i "trucchi" della Ferrari.

Le Ferrari non ha commentato pubblicamente le dichiarazioni del campione del mondo, ma quando Motorsport.com ha chiesto a Mattia Binotto dell'indagine della FIA, il direttore tecnico della Rossa ha detto: "Ovviamente il propulsore è un elemento complesso, lo è stato dal 2014".

"La FIA è completamente a conoscenza delle nostre componente ed è nostro dovere collaborare ogni volta che la FIA non è del tutto convinta se ci sia qualcosa di giusto o sbagliato da ispezionare per comprenderlo meglio".

"Quello che è successo è che hanno semplicemente sollevato alcune questioni, alle quali abbiamo risposto e dato le nostre spiegazioni. E' tutto qui".

"La FIA è certamente felice di dichiarare che la nostra vettura è legale e da parte nostra siamo felici che la questione sia stata chiusa completamente da loro".

La Ferrari è entrata come favorita nel weekend della sua gara di casa, a Monza, per la prima volta da quando siamo entrati nell'era dei motori V6 turbo ibridi.

Questo perché è freschissima la vittoria di Sebastian Vettel su un altro tracciato su cui la potenza conta parecchio come quello di Spa-Francorchamps.

Binotto ha detto che la Ferrari non è necessariamente superiore alla Mercedes al momento e che comunque sarebbe difficile stabilire da dove provenga un eventuale vantaggio.

"Sono sempre convinto che si debba guardare all'intero pacchetto e non cercare di scomporlo in diversi fattori".

"Alla fine la differenza era molto piccola a Spa. Loro erano in pole in qualifica e in gara il nostro ritmo era molto simile".

"Cercare di capire se c'è una piccola differenza è molto difficile. Il nostro pacchetto funziona nel suo insieme: aerodinamica, meccanica, telaio e power unit".

Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, leads Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09

Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, leads Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09

Photo by: Steve Etherington / LAT Images

Aldo Costa, ingegnere in uscita dalla Mercedes, ritiene invece che sia chiaro che la Ferrari abbia fatto grandi progressi sul fronte della power unit.

Tuttavia, ha aggiunto che sono anche altri gli elementi che hanno fatto la fortuna delle diverse squadre in questa stagione.

"Da gara a gara le prestazioni cambiano sempre e questo è legato a molti aspetti, tipo il circuito, la gestione delle gomme e le prestazioni della vettura stessa".

"Quando due macchine sono molto vicine, abbiamo due vetture abbastanza simili, entrambe molto competitive".

"Si tratterà di lavorare sullo sviluppo per risolvere più problemi possibile e migliorare la vettura. Non fare errori ed avere una buona affidabilità sarà la chiave".

 

Articolo successivo
GP d'Italia LIVE, Prove Libere 2

Articolo precedente

GP d'Italia LIVE, Prove Libere 2

Articolo successivo

Pauroso volo di Ericsson sul rettilineo: non si è chiuso il DRS a oltre 300 km/h

Pauroso volo di Ericsson sul rettilineo: non si è chiuso il DRS a oltre 300 km/h
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Ferrari Races Acquista adesso
Autore Scott Mitchell