Ferrari: ad Austin arriva l'ultimo sviluppo aerodinamico per tornare a vincere

condividi
commenti
Ferrari: ad Austin arriva l'ultimo sviluppo aerodinamico per tornare a vincere
Di: Franco Nugnes
11 ott 2018, 10:07

La squadra del Cavallino, consapevole di aver perso il mondiale con la Mercedes, vuole dimostrare che la SF71H è una monoposto che è ancora capace di vincere dei GP. E in America debutta l'ultimo pacchetto aerodinamico della stagione.

Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Ferrari SF71H, fondo per Silvertone
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari, firma autografi ai tifosi
Tifosi di Sebastian Vettel, Ferrari e Kimi Raikkonen, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari, exits his car in parc ferme

Il Gran Premio del Giappone ha messo fine alle residue speranze della Ferrari di poter insidiare Lewis Hamilton e la Mercedes nelle volate per i titoli Mondiali 2018.

Un boccone amaro da digerire, ma i tecnici del Cavallino non vogliono lasciare spazio allo sconforto. Il calendario del Mondiale prevede ancora quattro Gran Premi, tappe in cui non sarà possibile recuperare il margine che ha ormai accumulato la Mercedes, ma nelle quali sarà importante ritrovare morale e sicurezza puntando ai successi di tappa.

La prima domanda che sorge spontanea è relativa alla reale possibilità della Ferrari di poter tornare a dar fastidio alla Mercedes.

Ciò che era stato evidente fino al Gran Premio del Belgio, quando Vettel sfilava di forza Hamilton avviandosi ad una vittoria perentoria, lo è stato molto meno nelle gare seguenti, per tanti e differenti motivi.

Al di là di un Mondiale che ha preso la direzione di Stoccarda, a Maranello c’è voglia di rivincita, e contano molto sul sull'equilibrio trovato a Suzuka in gara (grazie al ritorno a ‘vecchie’ soluzioni tecniche lanciate a Silverstone), e all’ultimo sviluppo aerodinamico previsto per la SF71H che sarà portato in pista ad Austin.

La posta in palio è comunque alta, soprattutto dopo le parole pronunciate da Maurizio Arrivabene nel sabato di Suzuka, che hanno dipinto un contesto non idilliaco sul fronte interno.

In Formula 1 (e nello sport in generale) la vittoria è una medicina che guarisce molti mali, e ritrovare la via del successo sarebbe un’importantissima iniezione di fiducia per tutta le Ferrari. Dopo un girone d’andata che ha visto la SF71H come riferimento tecnico, la Mercedes ha risposto in modo molto efficace, rigettando la palla nel campo avversario, ed ora sta alla Ferrari replicare in modo efficace.

Il ritorno al successo sarebbe una grande medicina anche per Sebastian Vettel, finito sotto i riflettori in una stagione 2018 che lo ha visto vincere tanto ma anche lasciare tanti punti per strada, un aspetto reso evidente da un avversario diretto che in questo Mondiale è stato finora immune da errori.

Che ‘Seb’ fosse un tedesco molto latino era stato notato e sottolineato poco dopo il suo arrivo a Maranello dal presidente Sergio Marchionne, e come tale trarrebbe indubbiamente molto giovamento da un ritorno al vertice in tempi brevi.

Anche solo per scrollarsi di dosso un po' di tensione, riacquisendo quella serenità che pubblicamente viene data sempre al suo fianco, ma chissà se poi lo accompagna davvero considerando che una stagione iniziata in modo trionfale ha preso improvvisamente una piega ben diversa.

In un Mondiale che ha già detto praticamente tutto, la trasferta Austin-Città del Messico paradossalmente dirà comunque tanto. Lo scorso anno la conquista matematica del Mondiale di Hamilton avvenne proprio sul circuito intitolato a Pedro e Ricardo Rodriguez, e nonostante il copione fosse già scritto ed annunciato, Vettel al termine della gara messicana accusò molto il colpo.

Forse quest’anno sarà ancora più difficile per Seb assistere alla consacrazione del suo avversario numero 1, ma se c’è una posizione che rende meno complicato il presenziare ad una festa amara, è proprio il gradino più alto del podio. La pillola sarebbe indubbiamente meno indigesta da mandar giù.

Prossimo articolo Formula 1
La F1 non cambierà il sistema d'assegnazione dei punti in vista del Mondiale 2019

Articolo precedente

La F1 non cambierà il sistema d'assegnazione dei punti in vista del Mondiale 2019

Articolo successivo

Regole 2019: i top team recuperano il carico perso, ma Wolff si aspetta sorprese

Regole 2019: i top team recuperano il carico perso, ma Wolff si aspetta sorprese
Carica i commenti