Wolff: "Nessun veto su Albon, ma rinunci al contratto Red Bull"

Il capo Mercedes replica a Horner che venerdì aveva parlato di un veto di Totò per il passaggio di Alexander alla Williams nel 2021. L'austriaco smentisce, sostenendo che si può fare a patto che il pilota anglo thailandese si sganci da Milton Keynes. C'è uno spiraglio per riportarle Albon in F1, oppure dovrà puntare all'Alfa Romeo contendendo l'abitacolo a Giovinazzi e De Vries?

Wolff: "Nessun veto su Albon, ma rinunci al contratto Red Bull"

Era inevitabile. C’è la seconda puntata della saga su Alexander Albon. Al duro attacco di Christian Horner che ha accusato Mercedes di aver posto il veto per il passaggio del pilota anglo-thailandese alla Williams, una delle trattative che animano il mercato piloti 2021.

Albon, non trovando posto in Red Bull e AlphaTauri, può contare sul supporto di Christian Horner per cercare una sistemazione in F1 per il prossimo anno: Williams e Alfa Romeo hanno manifestato l’interesse a prendere il conduttore che può contare su un’allettante dote economica che verrebbe messa a disposizione dalla Red Bull (si parla di 10 milioni di sterline).

Horner venerdì ha spiegato che la preferenza di Alexander sarebbe stata quella di puntare sulla Williams, ma l’avanzata trattativa ha trovato un ostacolo in Toto Wolff che si sarebbe messo di traverso, preferendogli il campione della Mercedes in Formula E, Nyck de Vries, un altro candidato a fare il suo debutto in F1 con una delle due squadre che hanno ancora un abitacolo libero.

“Albon merita un posto in F1 – ha detto Wolff - ma è difficile pensare un pilota Red Bull al 100% che guida una monoposto con il propulsore Mercedes. Quindi, saremmo felici di lavorare con lui, purché la Red Bull lo liberi dal contratto con loro”.

“Del resto stiamo supportando Nyck de Vries: ci sono trattative con la Williams per sistemarlo lì. Quindi ci sono opportunità diverse nell’aria".

Lo scenario, quindi, è cambiato: non c’è un veto ad Albon, ma la necessità di rompere il cordone ombelicale con la Red Bull…

"Alex Albon è in contatto costante con Gwen Lagrue, colui che gestisce il nostro programma junior Mercedes - ha aggiunto Wolff - . I due hanno parlato anche con James Vowles, il nostro capo della strategia, sulle opportunità per il prossimo anno. Non penso che gli sia stato detto che non se ne faceva nulla, ma si stavano esplorando le opportunità per Alex e Nyck”.

Il quadro adesso è più chiaro, così come la strategia per arrivare a chiudere la trattativa: la Red Bull farà un passo indietro per favorire la carriera di un suo pilota o lo offrirà all’Alfa Romeo?

In tutto questo stupisce il silenzio della Ferrari a difesa del posto di Antonio Giovinazzi: il pugliese ha un contratto con la Scuderia che è in scadenza e che a Maranello vorrebbero rinnovare, ma il Cavallino non ha la priorità per imporre un pilota al team di Hinwil. Toccherà allo sponsor Alfa Romeo puntare sull’italianità o Fredric Vasseur sarà libero di allestire “la migliore coppia di piloti disponibile”?

Lunedì verrà ufficializzato Valtteri Bottas come pilota di punta del “Biscione”: il finlandese prenderà il posto del connazionale Kimi Raikkonen che si ritira, mentre il secondo abitacolo sembra molto ambito con una grande disponibilità di piloti. Come andrà a finire? Nella guerra fra i grandi potrebbe rimetterci Antonio Giovinazzi. E dopo quello che sta dimostrando non sarebbe giusto…

condividi
commenti
Perez scatterà dalla pit lane per aver cambiato motore
Articolo precedente

Perez scatterà dalla pit lane per aver cambiato motore

Articolo successivo

Griglia di partenza GP d'Olanda: Max e Lewis, prima fila da urlo

Griglia di partenza GP d'Olanda: Max e Lewis, prima fila da urlo
Carica i commenti